German School Chess, Trier and Kurt Lellinger – Gli scacchi nelle scuole tedesche, Trier e Kurt Lellinger

(Sabine S.)
A German School where regular chess lessons are included in the Curriculum hosted the 10th German School Chess Conference in Trier.
During the weekend 10-12.11.2017, the 10th German School Chess Congress took place at the Integrated Comprehensive School (IGS), located in Montessoriweg, Trier. It should be noted that the IGS has been honoured as a German chess school and has integrated chess as a regular subject with exams and grades in the school curriculum.

This post is in English, with translation in Italian provided

Questo post è in inglese, con traduzione in italiano

Una scuola tedesca dove gli scacchi sono materia curriculare ospita a Trier il 10° Congresso Tedesco sugli Scacchi nelle Scuole
Durante il fine settimana tra il 10 e il 12 di Novembre 2017 si è svolto il 10° Congresso Tedesco sugli Scacchi nelle Scuole a Trier, nei locali dell’Integrated Comprehensive School (IGS) in Montessoriweg. Vale la pena di sottolineare che l’IGS ha ricevuto la qualifica di “Scuola tedesca di scacchi” e ha integrato gli scacchi (con esami e voti) tra le materie curriculari.

[Vai al testo in Italiano]

The congress was organised by the German Youth Chess Association (Deutsche Schachjugend) and the German School Chess Foundation (Deutsche Schulschachstiftung). The context of the congress was the organization of chess in schools, with the presentation of methods, didactic and teaching concepts in 21 workshops.


Kurt Lellinger

The chess congress was also a memorial congress in honour of Kurt Lellinger, the trailblazer and protector of school chess in Germany, who died on 09.01.2017.

Lellinger
Kurt Lellinger (1938-2017)

For Kurt Lellinger, chess was a medium that would help train and strengthen students’ abilities and help schools to better fulfill their educational mandate. His approach was consistent with the principles of the C.A.S.T.L.E project, bearing in mind the words of Jorge L. Borges: “The game is a training for life, in which one learns to face difficulties, defeats and even successes and victories: understanding their processes helps to develop critical thinking, patience, acceptance of defeat, determination and the ability of a strategic approach, essential skills to deal with the actions that you perform every day, in a world like a big chessboard, made of “black nights and white days”“.

This is also reflected in the statute of the school chess foundation founded by Lellinger:

§2 (1) “Chess is especially suited for the development and promotion of cognitive abilities. The focus here is on spatial, systematic and principled thinking. In addition to analytical thought training, it promotes networked, holistic thinking, coping with complex facts, organizational ability, judicious judgment and well-founded decision-making. Problem solving is becoming more and more important in our society because more and more problems arise progressively in the most different areas. Chess is one of the few domains in which young people systematically develop and expand their problem-solving skills …

To implement his desire for schooling chess, Lellinger developed the school chess patent, which was first launched in 2003 in Finsterbergen in Thuringia, Germany with a first multiplier training, to educate pedagogues as chess instructors in the role of school tutors. Since then, more than 3000 teachers have been trained in chess and chess education. It was not fundamental for Kurt Lellinger to find only a few elite students in chess school clubs, but to present children like little scientists interesting and complex questions, to nudge self-solution and education with all senses. In addition to chess, Kurt Lellinger loved his hometown Trier equally! Lellinger was Trier!


TRIER – the most ancient town of Germany

According to the legend about the founding of Trier, Trebeta, the son of the Assyrian king Ninus, is said to have founded it 1300 years before the emergence of Rome. An inscription on the Red House on Trier’s main market points out:

Hauptmarkt_Trier
Hauptmarkt in Trier (by Helge Klaus Rieder; https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=54956353)

ANTE ROMAM TREVERIS STETIT ANNIS MILLE TRECENTIS. PERSTET ET AETERNA PACE FRUATUR.“ (“Before Rome, Trier existed for a thousand and three hundred years. May it continue and enjoy eternal peace.“)

Trebeta-Trier-Gründung
Trebeta, the founder of Trier

According to proven sources, Trier is of Roman origin and was probably founded in 16 BC. under the name Augusta Trevevorum (City of Augustus in the land of the Treverer). During the decade of Emperor Claudius Colonia was added.

MINOLTA DIGITAL CAMERA
Model of Latin Trier 400 AD (by Stefan Kühn –  https://commons.wikimedia.org/wiki/File%3AAugusta_Treverorum.jpg)

Among the Roman architectural monuments that underline the importance of the city, there are the Porta Nigra, the Thermae of Barbara, the Imperial Baths, the Amphitheater, the Roman bridge (the oldest bridge in Germany and part of the UNESCO World Heritage Roman monuments) as well as the cathedral and the Church of Our Lady.

With these two heavyweights, the 10th School Chess Congress already had two aces up their sleeves and played some more trumps.


A chess weekend to remember

Of course, the Friday evening started with a city tour and a wine tasting for the participating 60 chess schools and the school chess experts. The expert workshop was concerned with current topics like:

  • Exchange of experiences on the organization of the school chess at the German Chess Schools
  • possible cooperations between German chess schools and exchange about joint projects
  • Information on obtaining and renewing the quality seal German Chess School
  • Projects of the German Youth Chess Association and the School Chess Foundation
  • Presentation of the internet platform “Chess as School Subject” (German “Schach als Fach”)

The big fireworks, however, took place on Saturday with 21 workshops on chess topics at schools and kindergartens and the traditional “Market of Opportunities”, where everything about school chess was presented. Noteworthy is still the outstanding chess pieces exhibition of the Friedrich Ebert Secondary School Oberhausen, which recently received the quality seal German Chess School. The grand final was a chess educational night with the highlight of the award of the best German school chess teachers (a well-deserved stalemate with two 1st prizes) and the best head of school chess clubs.

Markt der Möglichkeiten
Exhibition at the “Market of Opportunities”

The guiding principle of all workshops was the desire of the chess teachers to learn concrete teaching methods and to get to know new teaching materials. For example, the workshop “Psychomotricity on the giant chess board for elementary school students (according to the concepts of the C.A.S.T.L.E project) was especially well attended.

Psychomotorik Großschachfeld
Psychomotricity on the giant chess board

Dr. Dirk Jordan’s presentation of the new textbook “222 x Fun with Chess, Small Games and Chess Variants” was also fully booked, as well as the introduction of the famous chess coach IM Roman Vidonyak. Björn Lengwenus, chess father of “Fritz & Fertig”, talked about “Moving chess lessons and action-rich chess methods”, whereas Patrick Wiebe[ENG-1] conjured chess techniques for the opening game training out of his method case 2.0. Both showed how already young children can be enthusiastic about chess in a differentiated way.

Chess Program Fritz & Fertig and Chess Method Case 2.0

Furthermore, workshops dealt, amongst other, with topics like hints and tricks to organise chess tournaments, didactical educational materials, children as experts for school chess, ideas of German Chess Schools and methodology I+II for chess in kindergarden.

Sunday once again pulled out all the stops with the German teacher’s championship.

We are looking forward to the 11th German School Chess Congress from 09.-11.11.2018 in Ingolstatt.


[Go to the English version]

Il Congresso è stato organizzato dalla Associazione tedesca per gli Scacchi Giovanili (Deutsche Schachjugend) e dalla Fondazione tedesca per gli Scacchi nella Scuola (Deutsche Schulschachstiftung). L’obiettivo del congresso era discutere l’organizzazione degli scacchi nella scuola, con ben 21 riunioni dedicate alla presentazione di metodi e concetti didattici.


Kurt Lellinger

Il Congresso è stato anche l’occasione per ricordare Kurt Lellinger, anima e ardente sostenitore degli scacchi nelle scuole tedesche, che è scomparso il 9 Gennaio di quest’anno.

Lellinger
Kurt Lellinger (1938-2017)

Per Kurt Lellinger, gli scacchi erano un mezzo per aiutare l’apprendimento e rafforzare le capacità degli studenti, ma anche per aiutare la scuola a raggiungere i propri obiettivi. Il suo approccio era in linea con i principi del progetto C.A.S.T.L.E: ricordando le parole di Jorge L. Borges: “Il gioco è un allenamento per la vita, attraverso il quale si impara ad affrontare le difficoltà, le sconfitte e anche i successi e le vittorie: comprendere i suoi segreti aiuta a sviluppare il pensiero critico, la pazienza, l’accettazione della sconfitta, la determinazione e la capacità di analizzare strategicamente, abilità essenziali per affrontare le azioni che compiamo ogni giorno in un mondo che è come una grande scacchiera, fatta di “notti nere e giorni bianchi”“.

Ciò è anche rappresentato nello statuto della fondazione per gli scacchi nella scuola fondata da Lellinger::

§2 (1) “GLi scacchi sono particolarmente adatti per lo sviluppo e il miglioramento delle abilità cognitive. Il fattore principale è il pensiero spaziale, sistematico e coerente. Oltre ad allenare al pensiero analitico, gli scacchi contribuiscono a pensare in maniera ampia e completa, in modo da affrontare informazioni complesse, sviluppare le abilità organizzative, un giudizio obiettivo e un processo solido per prendere decisioni. Il “Problem solving” sta diventando sempre più importante nella nostra società perchè sempre più problemi devono essere continuamente affrontati nelle aree più disparate. Gli scacchi sono uno dei pochi ambiti all’interno dei quali i giovani possono sviluppare sistematicamente e ampliare le loro capacità di risolvere i problemi …”

Per rendere realtà il suo desiderio di integrare gli scacchi nella scuola, Lellinger sviluppò l’idea del “patentino scacchistico scolastico”, che fu applicato per la prima volta nel 2003 a Finsterbergen in Turingia (Germania) con un primo corso di formazione far diventare i pedagoghi “instruttori di scacchi” ed essere quindi “tutor” scacchistici nelle scuole.  Da allora, gli scacchi e la cultura scacchistica sono stati insegnati a più di 3000 insegnanti . Non era importante per Kurt Lellinger rivelogersi a una piccole élite di studenti in una scuola e formare un circolo, ma lo era presentare ai bambini domande interessanti e complesse, come se fossero dei piccoli scienzati, e coltivare la capacità di risolverli da soli e l’educazione multisensoriale.

Oltre agli scacchi, Kurt Lellinger amava con la stessa passione la sua città, Trier! Lellinger era una cosa sola con Trier!


TRIER – La più antica città di Germania

La leggenda racconta che Trebeta, figlio del re assiro Ninus, fondò Trier 1300 anni prima della comparsa nella storia di Roma. Una iscrizione sulla Porta Rossa sulla piazza del mercato di Trier recita:

Hauptmarkt_Trier
La Piazza del Mercato di Trier (Foto di Helge Klaus Rieder; https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=54956353)

ANTE ROMAM TREVERIS STETIT ANNIS MILLE TRECENTIS. PERSTET ET AETERNA PACE FRUATUR. (“Prima di Roma, Trier è esistita per mille e trecento anno. Che possa continuare e gioire di una pace eterna“)

Trebeta-Trier-Gründung
Trebeta, il leggendario fondatore di Trier

Secondo fonti certe, Trier è di origini romane e fu probabilmente fondata nel 16 A.C. con il nome di Augusta Trevevorum (Citta di Augusto nella terra del Treverer). Durante il decennio dell’imperatore Claudio, fu poi fondata anche Colonia.

MINOLTA DIGITAL CAMERA
Modello dalla Trier romana (400 d.C.)

Tra i monumenti architettonici romani che sottolineano l’importanza della città, ci sono la Porta Nigra, le Thermae di Barbara, i Bagni Imperiali, l’Anfiteatro, il ponte romano (il ponte più antico delle Germania e patrimonio dell’UNESCO), la Cattedrale e la Chiesa di Nostra Signora.

Con questi due importanti premesse, il 10° Congresso sugli Scacchi nelle Scuole aveva già due atout importanti a disposizione, e a loro ha aggiunto qualche altra carta vincente.


Un fine settimana scacchistico da ricordare

Per gli esperti e per i rappresentanti delle 60 scuole partecipanti, il venerdì sera è iniziato con la visita della città e con la degustazione dei vini locali. I lavori si sono poi articolati in workshop su argomenti come:

  • Scambio di esperienze sull’organizzazione delle scuole di scacchi
  • Possibili cooperazioni tra le scuole di scacchi in Germania e discussioni su progetti congiunti
  • Informazioni su come ottenere e rinnovare i certificati di qualità per le Scuole di Scacchi in Germania
  • I progetti delle Associazione Tedesca per gli Scacchi Giovanili e della Fondazione per gli Scacchi nella Scuola
  • Presentazione della piattaforma internet “Gli scacchi come materia scolastica” (in tedesco “Schach als Fach”)

Il piatto forte, comunque, è stato Sabato con i 21 workshops, gli spazi per i bambini e il tradizionale “Mercato delle Possibilità”, dove viene presentato un po’ di tutto sugli scacchi. Degna di nota l’eccellente mostra di pezzi degli scacchi della Scuola Media Friedrich Ebert di Oberhausen, che ha recentemente conseguito il certificato di qualità come Scuola Tedesca di Scacchi. Il gran finale è stata la lunga serata sulla educazione scacchistica, con la consegna dei premi per i migliori insegnanti di scacchi nelle scuole (con una meritata patta … per stallo e quindi due primi premi) e il miglior direttore di circolo scacchistico scolastico.

Markt der Möglichkeiten
La mostra del “Mercato delle Possibilità”

Il principio-guida di tutti gli workshop è stata la volontà di tutti gli insegnanti di scacchi di imparare concretamente i metodi di insegnamento e imparare ad usare il nuovo materiale didattico. Per esempio, il workshop “Psicomotricità sulla scacchiera gigante per studenti delle scuole elementari (sulla base dei concetti del progetto C.A.S.T.L.E ) è stato particolarmente frequentato.

Psychomotorik Großschachfeld
Attività psicomotorie sulla scacchiera gigante

La presentazione del Dr. Dirk Jordan sul nuovo libro di testo “222 x Divertirsi con gli Scacchi, Partite brevi e Varianti degli Scacchi” ha visto anche il pienone, così come la presentazione del famoso allenatore di scacchi MI Roman Vidonyak. Björn Lengwenus, padre scacchistico di “Fritz & Fertig”, ha parlato di “Lezioni di scacchi in movimento e metodi scacchistici ricchi di azione”, mentre Patrick Wiebe [ITA-1] ha elaborato tecniche per l’insegnamento delle apertura utilizzando il suo “Method case 2.0”. Entrambi hanno mostrato come anche bambini molto giovani possano entusiamarsi per gli scacchi in modi diversi.

Il programma di scachci Fritz & Fertig (a sinistra) e il  Chess Method Case 2.0 (a destra)

Gli workshop hanno inoltre trattato argomenti come suggerimenti pratici per l’organizzazione di tornei di scacchi, materiale didattico educativo, i bambini come esperti per le scuole di scacchi, idee per le Scuole Tedesche di Scacchi e la metodologia I+II per gli scacchi negli asili.

Domenica è stata di nuovo una giornata di successo con il campionato degli insegnanti tedeschi di scacchi.

Tutti aspettano di già l’11ª edizione del Congresso Tedesco sugli Scacchi nelle Scuole, che si svolgerà a Ingolstatt dal 9 all’11 Novembre 2018.


[ENG-1] known as keynote speaker for Chess in schools, a German Experience in Turin – ITALY, 25th – 27th February 2009; CHESS: A GAME TO GROW UP WITH; A WORLD CONFERENCE ON CHESS IN SCHOOLS)

[ITA-1] noto per essere stato keynote speaker con “Gli Scacchi a scuola, una esperienza tedesca” a  Torino – ITALIA, 25– 27 Febbraio 2009; SCACCHI: UN GIOCO GRAZIE AL QUALE CRESCERE; UNA CONFERENZA MONDIALE SUGLI SCACCHI NELLE SCUOLE)

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Powered by WordPress.com.

Up ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: