200° anno Accademia Scacchistica Romana

(Roberto C.)

ANNO 1819: NASCE L’ACCADEMIA

L’Accademia Scacchistica Romana, è nata a Roma il 19 Aprile 1819 ed oggi compie 200 anni: tanti auguri dal blog ‘Uno Scacchista’! Il suo primo Statuto “COSTITUZIONE E REGOLAMENTI DELLA SOCIETA’ DEGLI SCACCHI’, che venne redatto dall’Avv. Francesco Belli, riporta la data del 19 Aprile 1819 ed è per questo la più antica società scacchistica italiana.

Caffè dei Pastini, più tardi chiamato Caffè dell’Accademia degli Scacchi…

Gli scacchi del Tasso

(Riccardo M.)
“Tu quoque”, Torquato? No, non temete, niente scoop. Non abbiamo nessuna sua partita, né sappiamo se ne abbia mai giocate.
Si conosce soltanto, questo sì, che il poeta e drammaturgo Torquato Tasso (Sorrento 1544-Roma 1595), l’autore della “Gerusalemme liberata”, si sia interessato al gioco degli scacchi.

e per due (apparenti) buoni motivi

[R] The Rose Chess Set

R I S T A M P A

(Roberto C.)
La F.I.D.E. ha deciso da tempo di far giocare tutti i tornei con i pezzi in stile Staunton, ma ciò nonostante tanti produttori hanno ideato e realizzato per la vendita dei differenti pezzi basati su questo antico (1849) ed elegante modello dalla grande popolarità.

Ad esempio…

Das Grosskampfschach oder Universalschach

(Riccardo M.)
Das Grosskampfschach oder Universalschach” era il titolo “pomposo” con il quale nel 1928 il dottor Bruno Videt, un giocatore di Szczecin (Stettino, Polonia) aveva intitolato e pubblicato un manualetto col quale, facendosi interprete di un’idea lanciata dal grande Capablanca, proponeva l’adozione di una nuova scacchiera composta da 100 case con l’introduzione di due nuovi pezzi: l’Ammiraglio (movimento di Torre+Cavallo) e il Pilota (movimento di Alfiere+Cavallo).
Pareva che inizialmente l’idea strampalata non avesse avuto alcun seguito, ma…

1875-1903: NUOVA RIVISTA DEGLI SCACCHI

(Alessandro Rizzacasa)
Il 1875 segna una data importantissima nella storia degli scacchi in Italia e, naturalmente, della loro storia in generale. Infatti è l’anno in cui, oltre ad essersi svolto a Roma, in primavera, il “Primo Torneo Nazionale dei giuocatori di scacchi”, nasce a Livorno la «Nuova rivista degli scacchi» (d’ora in avanti anche NRdS), un periodico che per primo saprà raccogliere l’interesse e tirare le fila dello scacchismo italiano riunendo l’attività di coloro che nel nostro Paese si dedicavano al gioco, gettando così le sue autentiche fondamenta future.
Una domanda però dobbiamo porcela: perché Livorno?

Powered by WordPress.com.

Up ↑