I luoghi degli scacchi: Lone Pine

(Claudio S.)
John Bernard Brooks, vecchio pistolero malato, decide di affrontare per l’ultima volta i tre suoi irriducibili nemici di sempre. Parte così per Carson City, ma v’incontra l’ostilità dello sceriffo.  Brooks non si dà per vinto e alla fine giunge all’ atteso decisivo duello: uccide  i  tre rivali, ma è a sua volta mortalmente ferito a tradimento. Nei panni di Brooks c’è l’insuperabile John Wayne, anche lui anziano e fiaccato dal male.
E’ ‘Il pistolero’, ultimo film (1976) del grande attore

I luoghi degli scacchi: Cambridge Springs

(Claudio S.)
Cambridge Springs. Mitica, indimenticabile. Quale scacchista italiano non ha mai sentito nominare questa località statunitense? Infatti durante il torneo che qui si disputò nel lontano 1904, venne adottato per la prima volta un particolare sistema nell’apertura di Donna, sistema che in seguito sarebbe stato chiamato “variante di Cambridge Springs” . Ma pochi sanno che Cambridge Springs è uno sperduto borgo di appena 2000 anime, e che l’americano medio non lo ha mai sentito nominare!
A Cambridge Springs si tenne un solo torneo di scacchi, ma molto forte. Nel 1904.

I luoghi degli scacchi: Porto San Giorgio

(Claudio S.)
E’ una piacevole cittadina balneare situata sulla fascia costiera delle Marche; fa parte della provincia di Fermo, che dista solo pochi chilometri. Le sue origini sono assai antiche, tanto che era nota sin dai tempi di Plinio il Vecchio. Le vicende storiche della città si snodano dall’antichità al medioevo, sino all’epopea napoleonica e risorgimentale. Tali vicende sono spesso in relazione, talvolta conflittuale, con quelle della vicina Fermo, di cui ha sempre costituito lo sbocco a mare.
Per avere un bel colpo d’occhio su tutto questo tratto di costa…

I luoghi degli scacchi: Salisburgo

(Claudio S.)
Salzburg, il borgo dove si estrae il sale, era la romana Jovavum della provincia del Noricum. Decimata dalla peste nel 1348, il 27 gennaio del 1756 diede i natali a Wolfgang Amadeus Mozart. Negli ultimi due secoli, come una pallina da ping pong, rimbalzò tra Austria e Germania. Nel 1942 e 1943 vi si disputarono, tra un bombardamento e l’altro, due tornei veramente forti per l’epoca.
A Vienna nel 1881 era nato Stefan Zweig…

I luoghi degli scacchi: Montecatini

(Claudio S.)
“Esterrefatta fisso lo sguardo tuo tremendo, in te parla una Furia, la sento e non l’intendo. Mi guarda! Il volto e l’anima ti svelo; il core infranto mi scruta … io prego il cielo per te con questo pianto, per te con queste stille cocenti aspergo il suol. Guarda le prime lagrime, che da me spreme il duol”. [Desdemona ad Otello, atto III scena III, da “Otello” di Giuseppe Verdi] La cittadina toscana annoverò Verdi fra i suoi ospiti abituali a partire dal 1882.

Powered by WordPress.com.

Up ↑