Uno Scacchista

Annotazioni, Spigolature, Punti di vista e altro da un appassionato di cose scacchistiche

Metti una sera al DLF Steinitz …

5 min read

(Uberto D.)
Chi ha detto che per veder giocare un interessante finale di pedoni siano necessari due Grandi Maestri? La posizione del diagramma (con mossa al Bianco) si è verificata sabato scorso nella partita del primo Torneo Sociale 2019 al circolo DLF Steinitz di Roma, tra Raffaele Lombardi e Pietro Mancini. Prima di leggere il post, come valutate il finale a gioco corretto?

Dopo la fine della partita è seguita più di mezz’ora di analisi tra la decina di giocatori che era rimasta a seguire il finale. I pareri erano prevalentemente orientati al vantaggio per il Bianco che, grazie alla latente minaccia di crearsi un pedone passato lontano sulla colonna g, avrebbe alla fine vinto. Non ne ero molto convinto, ritenendo che il Nero avesse abbastanza risorse grazie al pedone e ed al fatto che il Bianco avrebbe sì potuto crearsi un pedone passato, al costo però di dare, in alcune varianti, un pedone passato al Nero sulla colonna h.

Come prima cosa, tutti erano concordi nel ritenere inutile la spinta in c4.

Analisi (1) Il Bianco spinge in c4


Fino a qui tutti sulla stessa linea, ma sul seguito dopo 1. Re4 i pareri erano discordi. Il Nero deve scegliere tra due strade principali: la difesa passiva con il Re che si mantiene alle spalle dei pedoni e la difesa attiva basata sulla spinta in e5. Al circolo, le analisi si sono concentrate sulla prima opzione.

Analisi (2) Il Nero si difende passivamente


Queste sono state le conclusioni al circolo, prima che la fame ed impegni vari ci convincessero a lasciar stare e andare via. Io però ero ancora convinto che il Nero avrebbe dovuto giocare più attivamente e ho continuato l’analisi a casa.

Analisi (3) Il Nero si difende attivamente


Insomma, se le mie analisi sono giuste, il verdetto sulla posizione iniziale è “A gioco corretto la partita finisce patta“, ma non senza aver richiesto ai giocatori di scegliere la giusta strategia difensiva, riconoscere le case corrispondenti e evitare trabocchetti vari.

Niente male per una serata qualsiasi al circolo, vero?


PS: forse vi starete chiedendo come sia poi finita la partita. Il Bianco ha tentato di forzare spingendo il pedone h troppo presto ed ha finito per perdere. Gli scacchi sono un gioco difficile e spietato…

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: