I tartari attaccano!

(Marco B.)
Giovanni Drogo aspetta i tartari nella Fortezza Bastiani [1] e li aspetterà tutta la vita, ma negli scacchi un tartaro (o meglio tataro) è arrivato tanti anni fa, anche se ci ha lasciato troppo in fretta.
Rashid Nezhmetdinov (1912 – 1974) è stato un maestro internazionale sovietico e anche fortissimo giocatore di dama (si intende “Dama internazionale”, con regole molto diverse dalla dama italiana, e complessità infinitamente superiore!).

E’ stato “solo” un maestro internazionale, ma a quei tempi c’erano pochi tornei e per diventare GM bisognava necessariamene giocare all’estero e nell’URSS non era facile. Il nostro però è entrato nella storia degli scacchi come uno dei più grandi giocatori d’attacco di tutti i tempi. Considerate che ha uno score positivo contro un certo Mikhail Tal oltre a un bel numero di scalpi illustri. Fra le sue bestie nere i difensori nati come Petrosian, Korhnoi (del resto bestia nera anche di Tal) e soprattutto Averbach, che diede di lui il commento probabilmente più azzeccato:

Quando aveva l’attacco poteva battere chiunque, incluso Tal. Ma il mio punteggio contro di lui è qualcosa tipo 8.5 – 0.5 perché non gli ho mai dato la possibilità di giocare attivamente. In questi casi cominciava inevitabilmene a rovinare la posizione cercando complicazioni[2]

Di lui vediamo due sue partite più famose, anche perché ho l’impressione che non siano così note come quelle di altri giocatori.

Lev Polugaevsky – Rashid Nezhmetdinov
18° Campionato russo, Soci, 1958
1.d4 Cf6 2.c4 d6 3.Cc3 e5 4.e4 exd4 5.Dxd4 Cc6 6.Dd2 g6 7.b3 Ag7 8.Ab2 0–0 9.Ad3 (siamo ancora in teoria) 9… Cg4 (qui è più comune Tfe8) 10.Cge2 Dh4 (ma qui siamo in terra tartara!) 11.Cg3 (probabilmente per non indebolire le case bianche con g3, ma non è detto che sia meglio) Cge5 12.0–0 f5 13.f3 Ah6! 14.Dd1 f4 15.Cge2 g5 (i pedoni del nero cominciano a far paura)

PoluNezh_01
Dopo 15 … g5

16.Cd5 g4 (alé! il nero sta decisamente meglio!) 17.g3 (dopo 17. Cxc7 g3! 18. h3 Axh3 il nero vince) 17… fxg3 (probabilemente subito Dh3 era meglio, per impedire la liberatrice 19.f3-f4) 18.hxg3 Dh3 19.f4! Ae6! (sviluppo completato da entrambe le parti, adesso ci si diverte) 20.Ac2 (20. fxe5 Axd5 e poi scacco in e3 vincendo) 20… Tf7 21.Rf2 (sua maestà si dà alla fuga) 21… Dh2+ 22.Re3 Axd5 23.cxd5 Cb4 24.Th1

PoluNezh_02
Dopo 24. Th1

24 … Txf4!! (What??) 25.Txh2 (21. gxf4 Axf4+ 22. Cxf4 Cxc2+ guadagna la Donna) Tf3+ 26.Rd4 Ag7! (va bene, 26… c5+ era meglio, ma è facile far analizzare il silicio, chi di voi sacrifica la Donna, per poi giocare una mossa tranquilla come 26. Ag7 ?) 27.a4 c5+ 28.dxc6 bxc6 29.Ad3 Cexd3+ 30.Rc4 d5+ 31.exd5 cxd5+ 32.Rb5 Tb8+ 33.Ra5 Cc6+

PoluNezh_03
Posizione finale

0–1


Rashid Nezhmetdinov – Mikhail Tal
29° campionato URSS Baku 1961
1.e4 c5 2.Cf3 d6 3.d4 cxd4 4.Cxd4 Cf6 5.Cc3 e6 6.Ae2 a6 7.0–0 Dc7 8.f4 Cbd7 (siamo ancora in piena teoria)

NezhTal_01
Dopo 8…Cbd7

9.g4! (qui torniamo fra i tartari!) b5 10.a3 Ab7 11.Af3 Cc5 12.De2 e5 13.Cf5 g6 14.fxe5 dxe5 15.Ch6 Ce6 16.Ag2 Ag7 17.Txf6 (comincia lo sfondamento) Axf6 18.Cd5 Dd8 19.Df2 Cf4 20.Axf4 exf4 21.e5! (quando si è in attacco bisogna aprire le linee, dicono i testi!)

NezhTal_02
Dopo 21. e5!

21… Axe5 (25… Axd5 26. exf6 [con la minaccia di De1+] Dxf6 27 Axd5 e vince) 22.Te1 f6? (la migliore era 22… Axd5 23. Txe5 Ae6 24. Ac6+! Rf8 25. Dxa8 e il bianco sta comunque meglio) 23.Cxf6+ Dxf6 24.Dd4! (l’Ab7 può attendere!) Rf8 25.Txe5 (il bello è che il nero è ancora in vantaggio materiale, anche se è in posizione disperata)

NezhTal_03

25… Dd8 26.Tf5+! gxf5 27.Dxh8+ Re7 28.Dg7+ Re6 29.gxf5+ (29. Rd6 30. Cf7+) 1–0
Vi rendete conto che questa legnata l’ha presa Mikhail Tal?


Per finire qualche consiglio per gli acquisti:

Nezhmetdinov cover
Nezhmetdinov’s Best Games of Chess
Caissa Book 2000

La traduzione in inglese dell’autobiografia scacchistica di Nezhmetdinov, se lo trovate in vendita online, vale la spesa!


[1] Dino Buzzati, “Il deserto dei tartari”.
[2] https://en.wikipedia.org/wiki/Rashid_Nezhmetdinov

Rispondi

Powered by WordPress.com.

Up ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: