Come perdere in un baleno

(Topatsius)
Si sta giocando in questi giorni, dal 18 al 26 di Marzo, il Budapest Spring Festival 2017. Tra i 146 giocatori ci sono alcuni giocatori di rilievo, come Igor Kovalenko  e Vladimir Onischuk (recente vincitore del Memorial Tal), e una qualificata partecipazione italiana, con Fabrizio Bellia, Carlo Marzano e il veterano Bela Toth.

La sede di gioco è il centro polifunzionale Bálna, reinterpretazione elegante dei vecchi magazzini di Pest lungo il Danubio. Mentre mi aggiravo virtualmente nel ventre della balena (la traduzione letterale di “Bálna“), ho assistito a una interessante partita tra due giovanotti di belle speranze, il turco Vahap Sanal (MI, 2531, 19 anni) e il croato Leon Livaic (MF, 2446, 17 anni).

Dopo un’apertura abbastanza noiosa, la partita è giunta alla posizione del diagramma.

Sanal-Livaic dopo 15.Cxd4
Sanal-Livaic dopo 14. … cxd4 15.Cxd4

Sembra che con il cambio in d4 il Nero si sia cacciato in un guaio, perchè ad ogni ritirata della Donna il bianco prende in c6. Ma il croato aveva ben altro in mente…

15 … Dxg2+! 16. Rxg2 Cxd4+ 17. Rh3 (altre mosse perdono materiale) 17. … Cf3 18. Dc2 h5 19.Db2+ (si poteva giocare anche 19. g4, confidando nella spinta in e4 per chiudere la grande diagonale in caso di necessità) 19. … f6

Sanal-Livaic dopo 19. ... f6
Sanal-Livaic dopo 19. … f6

Nonostante il vantaggio di materiale, il Bianco non ha modo di evitare la minaccia di scacco perpetuo Cg5+/Cf3+ e dopo sia 20.Da3 sia 20.Tc7 la partita sarebbe finita patta. Sanal cerca qualcosa di più e la partita finisce… su UnoScacchista! Dopo la sciagurata 20. g4??, infatti, il Nero chiude il Re Bianco in una gabbia di matto con la semplice e micidiale 20. … h4!

Sanal-Livaic dopo 20. ... h4
Sanal-Livaic dopo 20. … h4!

Il Bianco deve subito fronteggiare la minaccia di matto Cg5+/Th8+/Th3+/Tf3# e rimpiange di sicuro il superficiale scacco di Donna in b2, che ha rilasciato il controllo della casa e4 e  permesso al Nero, con la spinta in f6, di controllare le case g5 ed e5. A questo punto l’unico modo sarebbe stato restituire la Donna ed entrare in un finale nettamente inferiore con 21. Rg2 Td2 (inchiodando il pedone f2) 22. Dc3 (per difendere… la casa h3!) 22. … Cg5+ 23. e4 (a 24. Rg1 segue 24. … Ch3#) 23. … Axe4 24.Rg1 Td3. Il Nero riprende la Donna e rimane con due pezzi e un pedone per una Torre.

Il giovane turco cerca un’alternativa che purtroppo per lui non c’è e, nonostante i disperati tentativi di creare una via di fuga per il Re, deve abbandonare dopo 21.e4 Axe4 22.g5 Cxg5+ 23.Rg4 Td3 24.f3 Af5+ 25.Rxh4 Ce4 Il matto sulla colonna h è inevitabile 26. 0-1

Si prende matto in un baleno nella balena di Budapest!

balna17
Foto da Empiric

 

4 thoughts on “Come perdere in un baleno

Add yours

  1. I “giovani turchi” nostrani sono ormai vecchi, però ci sono ancora tanti “giovani opportunisti”!

  2. Nel testo dell’articolo si parla di “giovane turco”, non di “giovane opportunista”. Aggiungo che negli scacchi l’opportunismo spesso è una qualità decisiva. In altri campi l’opportunismo ha spesso le gambe corte. Comunque, caro Fabrizio, per lo meno tu hai capito l’antifona!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Powered by WordPress.com.

Up ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: