Scacchi Spettacolari

(Marco B.)
Questa volta invece di un articolo scriverò la recensione di un libro che credo non sia molto noto ai giocatori e non mi pare che sia stato tradotto in italiano ed è a mio parere una magnifica raccolta di partite, studi e problemi “spettacolari”.

Levitt e Friedgood hanno cercato di capire e spiegare che cosa renda una partita o un problema o uno studio “spettacolare”. Hanno usato quattro parametri di loro invenzione ovvero: P (paradosso), G (geometria), D (profondità, depth in inglese) e F (flusso). Non è il caso di stare qui a spiegare nel dettaglio le loro analisi anche se sono intuibili.

La parte del leone la fanno gli studi, ma anche il gioco vivo ha la sua parte e c’è anche una sezione dedicata ai problemi “normali” e agli “eterodossi”. In questo libro Levitt e Friedgood chiamano “eterodosso” qualunque composizione il cui scopo non sia quello di vincere (pattare) o di dare matto in un certo numero di mosse.

Cominciamo subito con un celebre studio dei fratelli Sarychev; la prima e la seconda mossa sono fra le più paradossali che io ricordi.

Sarychev
Alexander & Kiril Sarychev
Shakhmaty Listok 1928
Il bianco muove e patta

Il bianco ha un pezzo in meno, ma qualche chance di promuovere. Ovviamente non va 1. c8=D perché segue 1… Af5+ 2. Rc7 Axc8 e l’Alfiere protegge il pedone e non è catturabile perché fuori dal quadrato del pedone, il nero vince facilmente. Anche 1. Re6 non va per 1… Re4 e l’Alfiere ha accesso alla casa ‘f5’.

Per risolvere si parte con … 1. Rc8!! non solo va davanti al proprio pedone, ma esce dal quadrato! Adesso 1… Ae4? non va per 2. Rb8 e per evitare la promozione il nero deve cedere il pedone b7. Perché non giocare 1… b5, non dovrebbe vincere? 2. Rd7!! ancora più sorprendente questo ritorno in d7, prima faccio muovere il pedone in modo da uscire dal quadrato e poi ritorno dov’ero? 2… b4 3. Rd6 Af5 (obbligata) 4. Re5! e il Re accelera! Adesso dovendo proteggere o muovere l’Af5 il Re nero ha il tempo di prendere il pedone: ad esempio 4… Ad7 5. Rd4 e patta. Uno studio da analizzare con attenzione per capire perché l’unico modo per pattare sia di perdere due tempi!

Un altro studio con finale sorprendente è questo di Gurvich:

Gurvich
A.S. Gurvich
Bakinski Rabochi 1927
Il bianco muove e vince

Il bianco ha una bella Donna di vantaggio, ma come fare a impedire la promozione in g1? 1. Ce4! adesso se 1…g1=D+ segue 2. Cf2+ Dxf2+ 3.Dxf2 e facile vittoria; il nero ha però di meglio 1… Cd3! perché se adesso 2. Dxd3 g1=D il bianco non ha vantaggio sufficiente per vincere. Però … 2. Df2!! mettendo la Donna in presa, e dopo 2… Cxf2 3. Cg3+! Rg1 4. Cg5!! zugzwang! e matto alla prossima! Una posizione finale incredibile che “meriterebbe” un diagramma, ma c’è già. Tornate all’inizio dell’articolo e vedete che ha avuto l’onore di copertina.

Dopo aver soddisfatto gli ortodossi, le prossime due puntate mi vedranno alle prese con due esempi di retroanalisi (partite d’esempio) che meritano entrambi un articolo a sé stante per essere bene compresi… preparatevi!


Jonathan Levitt, David Friedgood: Secrets of spectacular Chess, 2nd edition
Everyman Chess, ISBN: 9781857445510, 2nd Edition 2008.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Powered by WordPress.com.

Up ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: