Not smart enough?! Even smarter! – Part I

(Sabine S.)
This series of posts is a plea for an unbiased look at the individual child and his self-development.
I hope to show you that, whatever we do, we set up the “chess“ board for children starting with their earliest childhood, starting from birth. You say no – believe me, it is a definite YES.


Questa serie di post è un invito a guardare senza pregiudizi al bambino-individuo e al suo sviluppo autonomo.
Spero di mostrarvi come, indipendentemente da quello che facciamo, noi prepariamo la strada (scacchistica) per i ragazzi a partire dalla prima infanzia, a partire dalla nascita. Potreste pensare di no – credetemi, è decisamente un SI.

[Testo in Italiano]

Let me introduce you to shared moments of an uncle and his astonishing nice, describing his experience and observations on her interest at his chess games with his brother-in-law during her age from almost a year to 4 years. Thanks to his pedagogical background, especially to the approaches of Malaguzzi (founder of the Reggio pedagogy in Reggio Emilia), Itard and Seguin, we were able to reflect the wonderful development of his niece in a special depth. This was the beginning of our reflections and attempts to find the primary foundations of chess for small children. But we never looked at WHEN to start teaching, never at THE RIGHT AGE. We had simply to read the signals, occurring during their chessy moments.


The absorbent mind

It begins with the knowledge of his (the childs) surroundings. How does the child assimilate his environment? The child absorbs these impressions not with his mind but with his life itself, incarnating all in itself. This is the child!“
(Maria Montessori)

The impressions and interactions the child gains from his environment “does not merely enter his mind, they form it.” Why is this so important – if we allow toddlers and infants to explore everything and especially all steps of chess with ALL SENSES, every gained experience will not only be integrated into the child’s mind structures but becomes really part of the physical, the psychological and the mental body of the child. It becomes the child itself!


The First Plane Of Development “Help Me To Help Myself”

The first plane of development, from birth to six years, is the period of the absorbent mind. It is an unconscious process absorbing the environment as a whole. This is the stage of concrete concept building. It is the sensorial and ego-centric plane. All children are learning about the world by touching, tasting, hearing, seeing, and smelling. During the first three years, all sensory experiences unconsciously imprint upon the child’s mind. In the latter half of the first plane, ages 3–6, the child consciously refines these impressions by naming, classifying, and categorizing them, committing them to memory and building the firm foundation for all future lifelong learning.

 1-plane


STORY PART I (age 1 year)

“This is a story about beautiful chess moments with my young niece and her progress. I realise that this story actually began when my niece was almost a year old. Whenever I visited my brother-in-law, he persuaded me to a party chess. Well, I must confess, I’m not the best chess player, but we just enjoyed our games, mostly after a joined dinner. One evening my sister came with the little one in her arms to watch our game when my niece started to wriggle from her mother’s arm. First she did it silently, but with every futile attempt, she became more and more annoyed until she finally moved energetically back and forth and began to cry helplessly. My sister wanted to bring her to bed assuming that she was tired but I carefully scooped her from her mothers arms and settled her onto my lap. Surprisingly this little girl became quiet for this sudden change of locations but started her next attempts to grab the king on the board. I left her the king, already guessing that in a couple of moves I would be checkmated. She knocked the king repetitive onto the board, annoying my brother-in-law. So I placed my palm underneath the king, to which she responded with an increased effort to knock the king to the board. She then of course tossed the king into her mouth, to us as pedagogy known as the third hand and turned the figure over and over in her tiny hands. She finally replaced the figure somewhere onto the board. Of course, my brother-in-law and I had almost forgotten our game while watching my niece. Carefully and easily, using the three-finger grip, I took the king and placed it slowly and centered on its original square E1. I said quietly to my niece, “This is the king’s throne, this is his sduaddern.”, while I was driving around the edge of the field several times with my finger. Ever since my sister had told the little one that squares were on her bedspreads as a pattern and they were driving with their fingers around the squares, this pattern was named „sduaddern“ by my niece (square and pattern). This must have been one of her first words. And so she again began with her finger to drive around the squares. Of course some of the figures toppled, which led to a surprising teariness of her. The game had ended anyway and so we set up all the chess figures in the initial position, which led to an even bigger protest of my niece. We looked at each other helplessly and in the end my sister brought her to bed.


What happened

Of course, our little girl, interested in the activities of her father and uncle, wanted to take part, wanted to play exactly with the same toys like the adults. Her uncle recognized her intention and additionally gave her the opportunity to explore this toy with all her senses. She also brought a first experience of a pattern through the checks of her bedspreads.

The little niece also begins to adopt her environmental language to her patterns of language understanding by creating a new word from two words. New word creations are often indications of a new incipient sensitive period of speech, characterized by a higher cognitive understanding of words. During this phase, we can teach our children almost every language skill. They will suck it up like a sponge.

But why did she break into such a desperate cry as some of the figures fell, and both adults finally placed the figures to their initial positions. Such “inconspicuous”, “inscrutable” but often massive emotional outbursts allow us a deep insight into the first phase of order. This starts with a few months and lasts roughly until the age of 1.5 years. For our little one, it was important that all the figures were standing, but not important where they were placed on the board. Depending on the age of the child, it becomes sometimes more important that the figures resume their original place. Unfortunately, this sensitive period is usually unrecognised by adults but is one of the most important phases to hedge and embed early pattern recognition.


Building the earliest fundament of pattern recognition

Adaptation to our environment and specific habits is one of our earliest survival strategies and is closely linked to pattern recognition. Early pattern recognition are for instance daily time pattern, (day and night times, sleeping times, feeding times, walking times, reading times, playing times etc.), colour patterns (including light / dark as one of the earliest combined colour and daytime pattern), environmental pattern (well-known family members vs. strangers, arrangement of furnitures, seating order at the breakfast table) etc. Children with a consistency of daily activity pattern show later on a deepened understanding of time periods and a higher capacity of planning.

Marbles

This is an early pattern recognition exercise (2-5 years old) with the objectives to get the child ready for Maths, to teach logic and number pattern recognition, to train the child’s fine motor skills, to encourage counting.

The consistency of early childhood patterns, including stable child-parent-attachement [1] builds the fundament of secure attached children. Secure attached children show a higher interest in their environment and explore more self-confidently. When children explore their environment with all their senses and are allowed to do so, a firework will take place at all levels of neural brain activity, leading to an immense establishment of neural connections.

The following figure and most recent neurological reports show the significance of the first year of life for the edification and development of the neural networks in the individual brain regions, especially for the Higher Cognitive Functions.

Human Brain Development

As a forecast, here the overall Planes of Development

Four planes of development
Maren Schmidt M. Ed. with Dana Schmidt – “Understanding Montessori; A guide for parents”

I would like to end this first part of the article “Not smart enough” with a wonderful statement by Yogi Bajan:

“Just as physical apropriate healthy food forms the body and all the organs, the spiritual food, the environment, and the mental models evolves the mental body of the newborn.”
(Yogi Bajan)

NOTE: You may find the preamble to “Not smart enough” here.


[English Version]

Vi presenterò l’esperienza e le annotazioni di uno zio che racconta della sua splendida nipotina e del suo interesse manifestato per gli scacchi, nell’età compresa tra poco meno di un anno e i quattro anni, durante le partite tra lui e suo cognato. Grazie alla sua formazione da pedagogo, e in particolare al “Reggio Emilia approach” (sviluppato da Malaguzzi a Reggio Emilia, Itard and Seguin), siamo stati in grado di seguire il meraviglioso sviluppo di sua nipote con particolare profondità. Questo fu l’inizio delle nostre riflessioni e dei nostri tentativi di identificare gli elementi forndamentali degli scacchi per i bambini piccoli. Noi, comunque, non abbiamo mai cercato di scoprire QUANDO iniziare a insegnare gli scacchi, nè di definire L’ETA’ GIUSTA. Abbiamo semplicemente interpretato i segni che si sono mostrati durante i loro “momenti scacchistici”


La mente assorbente

“Tutto comincia con la conoscenza di ciè che lo (il bambino) circonda. Come fa il bambino a conoscere l’ambiente intorno a lui? Il bambino non assorbe le informazioni coscientemente con il ragionamento, ma con tutto se stesso, incarnando tutto all’interno di sé. Questo è il bambino!“
(adattato da Maria Montessori)

Le sensazioni e le interazioni che il bambino ricava dal suo ambiente “non solo entrano nella sua mente, la formano”. Questo è di fondamentale importanza – se lasciamo infanti e bambini piccoli liberi di esplorare le varie parti degli scacchi con TUTTI I LORO SENSI, ogni esperienza che ricaveranno non sarà semplicemente integrata nella struttura mentale del bambino ma diventerà parte dell’essere fisico, psicologico e mentale del bambino. Diventerà il bambino stesso!


Il Primo Piano di Sviluppo “Aiutami a fare da solo”

Il primo piano di sviluppo, dalla nascita ai sei anni, è il periodo della mente assorbente. Si tratta di un processo inconscio di assorbimento dell’ambiente nel suo insieme. Questa è la fase della costruzione concreta dei concetti. E’ il Piano sensoriale e centrato su se stessi. Tutti i bambini imparano sul mondo circostante toccando, assaggiando, ascoltando guardando e annusando. Durante i primi tre anni, tutte le esperienze sensoriali si imprimono in maniera inconscia nella mente del bambino. Nella seconda parte del Primo Piano di Sviluppo, tra i 3 e i 6 anni, il bambini rifinisce queste esperienze dandogli un nome, classificandole e categorizzandole, imprimendole nella memoria e costruendo le solide fondamenta per quello che imparerà in futuro durante la sua vita.

1-plane
Il primo piano di sviluppo: l’infanzia = la mente assorbente
LINEA DI PROGRESSO: Assorbimento completo dell’ambiente attraverso fasi sensoriali, preferenze e bisogni
LINEA DI REGRESSO: Il periodo di acquisizione

STORIA, PRIMA PARTE (età: 1 anno)

“Questa è la storia dei bei momenti scacchistici che ho passato assieme alla mia giovane nipote e della sua crescita. Tutto ebbe inizio quando mia nipote non aveva ancora un anno. Ogni volta che andavo a trovare mio cognato, mi convinceva a giocare una partita a scacchi. Be’, devo confessarlo: non sono il più forte dei giocatori, ma ci divertivamo lo stesso, di solito dove aver cenato tutti insieme. Una sera mia sorella venne a guardarci giocare, tenendo in braccio la piccola, quando mia nipote cominciò ad agitarsi, ondeggiando tra le braccia della madre. All’inizio lo faceva silenziosamente, ma ad ogni tentativo diventava sempre più impaziente, fino a quando non prese a muoversi vigorosamente avanti e indietro e iniziò a piangere. Mia sorella pensò di portarla a letto, credendo che fosse stanca, ma io le presi gentilmente la bambina dalle braccia e la misi a sedere sulle mie ginocchia. La piccola bambina si acquietò a casua del cambiamento improvviso di posizione, ma sorprendentemente cominciò subito a cercare di afferrare il Re sulla scacchiera. Le lasciai prendere il Re (tanto in un paio di mosse avrei subito scaccomatto) e lei iniziò a sbattere ripetutamente il Re sulla scacchiera, dando fastidio a mio cognato. Allora misi il mio palmo sotto il Re, ma lei reagì aumentando i tentativi di sbattere il Re. Poi, ovviamente, si infilò il Re in bocca (che noi pedagoghi chiamiano “la terza mano”) e girò e rigirò il pezzo tra le sue piccole mani. Alla fine, mise di nuovo il pezzo da qualche parte sulla scacchiera. Chiaramente sia io che mio cognato avevamo completamento dimenticato la nostra partita, mentre guardavamo mia nipote. Con attenzione e cautela, usando tre dita, presi il Re e lo misi lentamente nella sua posizione originale, al centro della casa e1. Poi dissi calmo a mia nipote “Questo è il trono del Re, questo è il suo sduaddern”, mentre percorrevo più volte il bordo della casella con un dito. Da quando mia sorella aveva mostrato alla piccola i quadrati disegnati sul suo copriletto, che si divertivano a percorrere con le dita, mia nipote li aveva chiamati “sduaddern” (una parola inventata unendo “quadrato” [square] e “schema” [pattern]). Deve essere stata una delle prime parole che ha pronunciato. Così lei cominciò a percorrere con un suo dito il contorno delle case sulla scacchiera. Ovviamente qualcuno dei pezzi si rovesciò, cosa che la fece scoppiare a piangere. La partita era comunque finita e così rimettemmo tutti i pezzi a posto, il che generò proteste ancora maggiori da parte di mia nipote. Ci guardammo senza sapere cosa fare e, alla fine, mia sorella la portò a letto.


Cosa è successo

Chiaramente la nostra piccola bambina, interessate in quello che stavano facendo il padre e lo zio, avrebbe voluto partecipare e giocare con gli stessi giocattoli che stavano usando gli adulti. Lo zio ha capito le sue intenzioni e le ha dato l’opportunità di esplorare questo “gioco” con tutti i suoi sensi. Lei ha quindi potuto sperimentare la prima esperienza di schemi col confronto con il suo copriletto.

La nipotina ha anche iniziato ad adattare il suo linguaggio ai suoi schemi di comprensione creando una nuova parola dall’unione di due parole. La creazione di nuove parole è spesso un indicatore del prossimo inizio del periodo sensitivo del linguaggio, caratterizzato da una comprensione cognitiva maggiore delle parole. Durante questa fase è possibile insegnare a nostri bambini praticamente ogni lingua. L’assorbiranno letteralmente come spugne.

Ma perchè è poi scoppiata un un pianto disperato quando qualche pezzo è caduto e quando entrambi gli adulti hanno messo i pezzi a posto? Questi “inspiegabili” e “immotivati” ma spesso violenti scatti emotivi ci permettono di guardare in dettaglio nella prima fase del Piano. Inizia a pochi mesi e dura circa fino all’anno e mezzo. Per la nostra piccola, era importante che tutti i pezzi fossero in posizione verticale, ma non era importante dove fossero messi sulla scacchiera. In funzione dell’età del bambino, è invece qualche volta importante che i pezzi riprendano le loro posizioni originali. Purtroppo, questo periodo sensitivo non è spesso colto dai genitori, ma è una delle fasi più importanti per costruire e sviluppare la capacità di riconoscimento degli schemi.


Costruire i primi elementi del riconoscimento degli schemi

L’adattamento al nostro ambiente e alle specifiche abitudini è una delle prime strategie di sopravvivenza ed è strettamente collegato al riconoscimento degli schemi. Questi schemi sono per esempio i cicli giornalieri (giorno/notte, orari di sonno, orari dei pasti, orari per le passeggiate, orari di letura, orari per il gioco, ecc), gli schiemi di colori (incluso quello luce/buoi, che è uno dei primi schemi combinati tra colore e ciclo giornaliero), schemi di ambiente (familiari conosciuti/stranieri, disposizione dei mobili, posizione al tavolo per la colazione…) e così via. I bambini con cicli di attività giornaliera costanti mostrano più in avanti una comprensione maggiore dei periodi temporali e una più sviluppata capacità di pianificazione.

Marbles

Questo a destra è uno dei primi esercizi di riconoscimento degli schemi (tra i 2 e i 5 anni), che ha l’obiettivo di preparare il bambino alla matematica, di insegnare la logica e gli schemi di riconoscimento dei numeri, di insegnare al bambino abilità motorie superiori e di incoraggiarlo a contare.

La stabilità dei primi schemi dell’infanzia, incluso un legame stabile tra bambino e genitori [1] rappresenta le fondamenta per un bambino sicuro e integrato nella famiglia. Un bambino che si sente protetto e sicuro dimostra un interesse maggiore nell’ambiente, che esplora con maggior fiducia in se stesso. Quando i bambini esplorano l’ambiente con tutti i loro sensi e gli viene permesso di farlo liberamente, la loro attività neurale esplode come un fuoco d’artificio, portando alla creazione di un immenso numero di connessioni neurali.

La figura seguente e i più recenti studi di neurologia mostrano l’importanza del primo anno di vita per la costruzione e lo sviluppo delle reti neurali nelle regioni del nostro cervello, in particolare per le Funzioni Cognitive Superiori.

Human Brain Development

Come anticipazione, ecco un immagine che rappresenta tutti i Piani di Sviluppo.

Four planes of development
Maren Schmidt M. Ed. with Dana Schmidt – “Understanding Montessori; A guide for parents”

Vorrei concludere questa prima parte di “Not smart enough” con una frase meravigliosa di Yogi Bajan:

“Così come il cibo fisico salutare e appropriato forma il corpo e gli organi, il cibo spirituale, l’ambiente, e i modelli mentali fanno sviluppare la mente dei neonati”
(Yogi Bajan)

NOTA: il preambolo a “Not smart enough” è disponibile qui.


[1-ENG] See attachment theory of Mary Ainsworth
[1-ITA] Si veda la teoria dell’attaccamento di Mary Ainsworth

One thought on “Not smart enough?! Even smarter! – Part I

Add yours

  1. Beeing the father of Sabine I am very impressed and amazed by her intensity to explain the first intellectual steps of children and even more by her approach to combine this development with the understanding of chess.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Powered by WordPress.com.

Up ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: