Not smart enough?! Even smarter! – Part III

(Sabine S.)
Va, pensiero, sull’ali dorate… Le memorie nel petto raccendi
SENSITIVE PERIODS or WINDOWS OF OPPORTUNITIES reveal themselves as an almost inflated interest or inclination, massively directed towards a specific skill, A thwarted sensitive period will manifest itself in a cranky child. Tantrums of children during a sensitive period are the external manifestations of an unsatisfied need.
[Opening Image: Neuronal plasticity – Max-Planck-Institut]

This post is in English, with translation in Italian provided

Questo post è in inglese, con traduzione in italiano

Va, pensiero, sull’ali dorate… Le memorie nel petto raccendi
I “Periodi di specifiche sensibilità” (anche detti “finestre di opportunità”) si rivelano con preferenze e interessi quasi esagerati e concentrate su capacità molto specifiche. Durante questi periodi il bambino è particolarmente capriccioso e manifesta con accessi di rabbia (es. “fase del no”) se i suoi bisogni non vengono soddisfatti.
[Immagine di apertura: Neuronal plasticity – Max-Planck-Institut]

[Vai al testo in Italiano]

1. Sensitive Periods
They are the visible proofs of the self-unfolding individual inner blueprint, which every child carries within himself. These passing impulses are crucial for natural, effortless learning and the reason for why the imprints during the formative age of 0 to 6 are the deepest. The sensitive periods are special time periods when a child is attracted to a particular aspect of the environment. Examples are movement, spatial and time orders, language, numbers, geometry, categorization etc. Working on activities, related to the sensitive period the child is in, results in the easy acquisition of a particular skill or knowledge. (compare also Not smart enough – Part I).

Key Identifiers of a Sensitive Period:

  • The child shows intense interest in an activity or skill.
  • The child will easily repeat the chosen activity over and over without tiring.
  • The child finds much joy and pleasure in the task.
  • The child is able to willingly focus their attention on the task or activity.
  • The child will possess unequalled energy and intense effort toward the task.
ENG Indicatori di periodi di specifiche Sensibilità
Indicators of Sensitive Periods

When we play on using the sensitive periods for teaching, let them be. Allow ample opportunity, time and space, to pursue this area. Introduce other activities that support the emergence of the skill. All combined sensory impressions ultimately culminate in an increasingly dense network of neural interconnections between the body and the brain and between the individual brain areas. If we recollect this fundamental truth it is much easier to classify the results of scientific research on the progress of young children playing chess.

Stages of development
Stages of Development for Early Learning from Birth to Age Seven (taken from http://ageofmontessori.org)

(If you want to read more)

However, by preparing the environment to accompany a child through a sensitive period you can guide the interests of a child but never try to push activities of young children towards predetermined goals. Why not?:

  • Contents of all sensitive periods are embedded in the learning of chess anyway
  • Children choose their tasks voluntary according to their sensitive periods
  • Young children first learn sensuously, from materialized abstraction, to grasp while grasping
  • Children learn the content in stages:
    • Do because you sensuously, joyful want to do – imitation of performed activity or exercise
    • Do to refine – repetition of activity or exercise
    • Do to integrate into society – elementary operation turns into rational operation
    • Purpose of the activity or exercise is detected – abstraction period

Importance of movements

Embodied Cognition
Importance of movements with consideration of “Embodied cognition” [1-ENG / 2-ENG]” with movement as integral to neurological cognition

STORY PART III (5 years)

Finally, my uncle will visit us today and I love watching daddy and my uncle playing chess, I love the sound of the figures when placed on the board. Sometimes both have the heads in their hands just looking at their board. Of course, I do the same when sitting on my board. Last time when uncle Paul visited us I greeted him shaking his hand and said: „Thank you that you will play chess with me.“, and turned to my chess board, waiting for him. All adults started laughing. I did not know why!!
I love to play with the chess figures, taking them everywhere I’m going, especially to sort all the bright figures and the dark ones and bringing them back to their box and start again. I own now a couple of small simple booklets, prepared by my uncle with titles: How to move a: pawn, how to move a rook, booklets with pattern puzzles for knight, bishop and rook or booklets with chess positions, chess openings, booklets with the title: how to win: with a rook, …with a Queen, …with a bishop and of course some booklets demonstrating moves and tactics. One is my favourite – it shows forks – but not for dinner. But often, I am stopped by my mom while replaying the booklet contents on my board and either I am corrected or reprimanded when I don’t want to stop and start to cry.


Let us have a look to a short but important insertion, which will be described more detailed and more precisely in the final part IV of “Not smart enough – even smarter!”:

2. Polarization of attention [3-ENG]

We speak of “POLARIZATION OF ATTENTION” when a child directs all his or her interests towards one task. The child than works spontaneously and repeatedly in total concentration. Constant interruption of his activities prevents psychical growth [4-ENG] and often leads to outbursts of fury.

…when I happened to notice a little girl of about three years old deeply absorbed in a set of solid insets, removing the wooden cylinders from their respective holes and replacing them.  The expression on the child’s face was one of such concentrated attention that it seemed to me an extraordinary manifestation (M. Montessori)

Polarization of attention
Overview of Curves of Polarization of Attention [5-ENG]
But let’s go back to our young niece and her experiences:


STORY PART III (5 years)

Finally, my uncle took me today with him to the park, where a huge chessboard is located in one separated corner. The squares are not only black and white. The black fields are rough while the white fields are quite smooth. I had packed my backpack including my booklets, my chess figures, my stuffed horse and two scarfs. My uncle told me to take this with me! As soon as we approached I demanded his answer for the scarf but he denied a direct immediate answer. He first invited me to take of my shoes and to walk, hop, slide, crawl from square to square, feeling the different textures of the black and white squares. Then he took one of the scarfs and blinded his eyes. We did exactly the same like before but it was much more difficulty!! Then we tried to walk lines, rows and diagonals, we even tried to hop like knights do! This was fun! After that my uncle invited me to bring only one of the respective chess figures and place them somewhere on the chessboard. I asked him if it will be a puzzle but he just shook his head. He asked me to look closely at all the figures on the board, and to memorize where they were positioned. My uncle started to walk around the chess board and simply looked at it. So I did the same. After we both had finished he asked me to blind his eyes again and he started to walk a path, touching all figures with his hands, feeling the shapes and then he said aloud: This is… the knight on … D4 for instance. He did this with all figures, replaced the figures on the board and asked me to examine the board and to try recognizing the figures and the squares! It toooooook such a long time but it was fun! After that we used my chess figures, tried to recognize them without looking and placed the tiny ones on the board. It looked funny! At the end, we set up puzzles on the board, tried to solve them with and without looking but always with the task to call the respective squares. We spent the whole day in the park, we even had lunch and in the evening pizza there.


MOVEMENT – SENSATION – MATH – CONCENTRATION – COMBINATION – BUT ABOVE ALL
TACTILE AND SPATIAL IMAGINATION
EMBEDDED IN MATERIALIZED ABSTRACTION!

Include imagination in everyday activities of children, not purely / merely related to chess, as this would be a poor limitation.
… but how does this knowledge of sensitive phases or windows of opportunities alows us to establish well shaped steps of teaching of chess for young children? At the kindergarten site we established and implemented an excel table with the description of sensitive periods / aquired skills and knowledge and their adequats in chess. This table will be also included in our last post of part IV of “Not smart enough – even smarter!”

Let us finish this first set of three articles with a slightly altered quotation by Confucius:

“Explain something, and I will forget; show me, and I will remember, let me do it, and I will understand.”

NOTE: You may find the preamble to “Not smart enough” here, Part 1 of the series of articles here. and Part 2 of the Series here.

emotionale-intelligenz
Picture from “Emotional intelligence peaks and plasticity

[Go to the English Version]

1. Periodi di specifiche sensibilità
Sono la prova visibile dello sviluppo del progetto individuale che ogni bambino ha dentro di sé. Questi impulsi passeggeri sono cruciali per un apprendimento facile e naturale; sono particolarmente profondi gli schemi imparati tra gli 0 e i 6 anni. Come detto, questi periodi sono fasi speciali durante i quali il bambino è attratto da un particolare aspetto dell’ambiente. Ad esempio movimenti, ordinamenti spaziali o temporali, linguaggio, numeri, geometria, classificazioni… Lavorando su attività collegate al periodi di specifica sensibilità nei quali si trova il bambino, si ottiene un apprendimento semplice di particolari attività o competenze (vedi in proposito Not smart enough – Part I)

I segnali specifici di un Periodo di Specifica Sensibilità

• Il bambino mostra un interesse intenso in una particolare attività o abilità
• Il bambino ripete facilmente l’attività più e più volte senza stancarsi
• Il bambino prova gioia e piacere nel gioco o in questa attività
• Il bambino è in grado di concentrarsi volontariamente sul gioco o sulla attività
• Il bambino possiede energie inesauribili per quel gioco o quella attività

ITA Indicatori di periodi di specifiche Sensibilità
Indicatori di periodi di specifiche sensibilità

Se decidiamo di utilizzare i periodi di specifiche sensibilità per l’insegnamento, facciamolo per bene. Diamo al bambino le più ampie scelte, diamogli il tempo e gli spazi. Introduciamo altre attività che siano di aiuto a far emergere le capacità del bambino. Tutte le sensazioni si combineranno, culminando in una rete di interconnessioni neurale sempre più fitte, collegando il corpo e il cervello, e le diverse aree del cervello. Se ci ricorderemo di questa verità fondamentale, sarà molto più semplice classificare i risultati della ricerca scientifica sui progressi dei giovani bambini che giocano a scacchi.

Stages of development
Stadi dello Sviluppo per apprendimento precoce, dalla nascita fino a 7 anni (da http://ageofmontessori.org)
ITA Stages of development
Traduzioni in Italiano

(Se volete approfondire la materia…)

In ogni caso, anche preparando l’ambiente per accompagnare il bambino attraverso in periodi di specifica sensibilità, noi possiamo guidare il suo interesse ma MAI spingerlo verso obiettivi predeterminati. Perchè no?

  • Tutti contenuti dei vari periodi di sensibilità specifica sono in ogni caso all’interno del percorso per l’apprendimento degli scacchi.
  • I bambini scelgono le loro attività in funzione dei loro periodi sensibili.
  • I giovani bambini all’inizio imparano “a senso”, grazie ad astrazioni verificate nella realtà, imparando strada facendo.
  • I bambini imparano in “fasi”:
    • Facendo perché lo vogliono e ne hanno piacere, imitando attività ed esercizi già svolti.
    • Facendo per rifinire, ripetendo attività o esercizi.
    • Facendo per integrarsi nella società, trasformando operazioni da elementari a razionali
    • Lo scopo dell’attività o dell’esercizio è chiaro e compreso (periodo di astrazione).

Importanza dei movimenti

Cognizione incarnata
Importanza dei movimenti rispetto alla “Cognizione Incarnata” [[1-ITA/2-ITA] con il movimento come integrale alla cognizione neurologica

STORIA, TERZA PARTE (età: 5 anni)

Finalmente oggi è venuto a trovarci lo zio; mi piace molto guardare lui e mio papà giocare a scacchi. Mi piace il suono dei pezzi quando vengono messi sulla scacchiera. Di tanto in tanto entrambi si mettono le testa tra le mani e stanno lì a guardare la scacchiera. Ovviamente faccio lo stesso quando mi siedo davanti alla mia scacchiera. L’ultima volta che era venuto a trovarci zio Paul, l’ho salutato dandogli la mano e dicendogli: “Grazie per essere venuto a giocare a scacchi con me” e sono andata alla mia scacchiera, aspettando che venisse anche lui. Tutti gli adulti hanno cominciato a ridere. Non ho capito bene perché.
Mi piace giocare con i pezzi degli scacchi, portarli con me ovunque io vada; mi piace in particolare dividere i Bianchi dai Neri e poi rimettere tutti i pezzi nella loro scatola e cominciare di nuovo. Possiedo un paio di libretti, piccoli e semplici, preparati da mio zio e che hanno come titolo: “Come muovere il pedone”, “Come muovere la Torre” . Ho anche un paio di libricini con semplici problemi e posizioni per il Cavallo, L’Alfiere e la Torre. Ho anche libri con posizioni da giocare dal titolo “Come vincere con la Torre”, “Come vincere con la Regina”, “Come vincere con un Alfiere” e ovviamente qualche libricino di tattica e combinazioni. Il mio favorito è quello che mostra le “forchette” – ma non quelle per la cena. Spesso mamma mi ferma mentre sto riguardando sulla scacchiera le posizioni contenute di uno dei libretti: qualche volta mi corregge, qualche volta mi rimprovera quando non voglio fermarmi e io inizio a piangere.


Guardiamo adesso una breve ma importante annotazione, che verrà poi descritta e analizzata con maggiori dettaglio nella finale parte IV di “Not smart enough – even smarter!”:

2. Polarizzazione dell’attenzione [3-ITA]

Parliamo di “Polarizzazione dell’attenzione” quando un bambino concentra tutti i proprio interesse su una singola attività. Il bambino è in grado di giocare spontaneamente e ripetutamente con la massima concentrazione. L’interruzione continua di questa sua attività impedisce la sua crescita e [4-ITA] e spesso causa reazioni furiose.

Mi accadde di osservare una bambina di circa tre anni, che rimaneva profondamente assorta sopra un incastro solido, sfilando e infilando i cilindretti di legno nei loro posti rispettivi. L’espressione della bambina era di una sì intensa attenzione, che mi sembrò quella di una manifestazione straordinaria. (M. Montessori)

Polarization of attention
Overview of Curves of Polarization of Attention [5-ITA]

Torniamo ora alla nostra nipotina e alle sue esperienze:


STORIA, TERZA PARTE (età: 5 anni)

Finalmente oggi lo zio mi ha portato con lui al parco, dove, in un angolo, c’è una enorme scacchiera. La caselle non sono solo bianche e nere: quelle nere sono ruvide e quelle bianche sono abbastanza lisce. Come mi aveva detto lo zio, avevo messo nel mio zainetto i libretti, i miei pezzi degli scacchi, il mio cavallo portafortuna. Mio zio mi ha anche detto di portare questa (una sciarpa) con me! Quando siamo ili ho chiesto a che sarebbe servita la sciarpa, ma non mi ha voluto dare una spiegazione immediata. Mi ha invece invitato a togliere le scarpe e a camminare, saltare, scivolare, rotolare da una casella all’altra, cercando di riconoscere le differenti superfici per il bianco e il nero. Poi ha preso la sua sciarpa e si è coperto gli occhi. Abbiamo fatto le stesse cose di prima, ma questa volta è stato molto più difficile!! Poi abbiamo provato a camminare lungo le colonne, le traverse e le diagonali e abbiamo anche provato a saltare come fanno i cavalli! E’ stato divertente! Dopo lo zia mi ha chiesto di prendere solo un pezzo per ogni figura degli scacchi e di metterli dove volevo sulla scacchiera. Gli ho chiesto se avremmo provato a risolvere un problema, ma lui ha fatto cenno di “no” con la testa. Mi ha chiesto invece di guardare attentamente tutti i pezzi che avevo messo sulla scacchiera e di memorizzare dove fossero. Ha quindi cominciato a camminare attorno alla scacchiera semplicemente guardandola. Ho fatto lo stesso. Quando abbiamo finito, mi ha chiesto di bendargli gli occhi di nuovo e ha iniziato a muoversi per la scacchiera, toccato tutti i singoli pezzi: ogni volta toccava i pezzi con le mani, ne sentiva la forma e poi esclamava: “Questo è … il cavallo … in “d4” per esempio. Lo ha fatto con tutti i pezzi, poi ha sistemato i pezzi di nuovo sulla scacchiera e ha chiesto a me di guardare la scacchiera e di cercare di riconoscere i pezzi e le case! Ci volle moooolto tempo, ma è stato divertente! Dopo abbiamo usato i miei pezzi, cercando di riconoscerli senza guardarli e mettendoli, piccolissimi, sulla grande scacchiera: erano proprio buffi! Alla fine, abbiamo sistemato alcune posizioni sulla scacchiera, cercando di risolverle sia guardandoli che non guardandoli, ma sempre con la regola di dire il nome delle case dove si trovano. Abbiamo passato tutto il giorno al parco, dove abbiamo anche pranzato e cenato con una pizza..


Movimento – Sensazioni – Matematica – Concentrazione – Combinazioni – ma soprattutto
IMMAGINAZIONE TATTILE E SPAZIALE
Contenuta nelle realizzazione pratica delle astrazioni

Includete l’immaginazione in ogni attività giornaliera del bambino, non solamente e limitatamente agli scacchi, perché questa sarebbe un pesante limitazione.

… ma come possono la conoscenza dei Periodi di Specifiche Sensibilità o Finestre di Opportunità permetterci di creare dei percorsi per l’insegnamento degli scacchi ai bambini piccoli? All’asilo, abbiamo creato e realizzato una tabella Excel con la descrizione dei periodi di sensibilità, delle conoscenze acquisite e della loro rilevanza scacchistica.

Quella tabella sarà inserita nel quarto e ultimo articolo della serie “Not smart enough – even smarter!”.

Vorrei concludere questo primo “trio” di articoli con una citazione (adattata) di Confucio:

“Spiegami qualcosa e io la dimenticherò; mostrami qualcosa e io lo ricorderò, fammelo fare e io lo capirò!


NOTA: Il preambolo a  “Not smart enough” è disponibile qui, la “Parte 1” si trova qui.e la parte 2 è qui.

emotionale-intelligenz
Immagine da “Vette di intelligenza emotiva e plasticità

[1-ENG] graphs by Dr. M. Montessori, “The advanced Montessori Method Vol. I” and “Spontaneous activity in education” (ebook: The project Gutenberg)
[2-ENG] Montessori, M., The science behind the genius, citation of Lakoff & Johnson, 1999 and Thelen, 2001
[3-ENG] https://www.youtube.com/watch?v=pmOfv1A89yc
[4-ENG] Hinton, Andrew, Unterstanding context, Figure 4-4. A model for embodied cognition
[5-ENG] graphs by Dr. M. Montessori, “The advanced Montessori Method Vol. I” and “Spontaneous activity in education” (ebook: The project Gutenberg)

[1-ITA] graphs by Dr. M. Montessori, “The advanced Montessori Method Vol. I” and “Spontaneous activity in education” (ebook: The project Gutenberg, usato rispettando i termini della Project Gutenberg License riportati www.gutenberg.net)
[2-ITA] Montessori, M., The science behind the genius, citation of Lakoff & Johnson, 1999 and Thelen, 2001
[3-ITA] https://www.youtube.com/watch?v=pmOfv1A89yc
[4-ITA] Hinton, Andrew, Unterstanding context, Figure 4-4. A model for embodied cognition
[5-ITA] graphs by Dr. M. Montessori, “The advanced Montessori Method Vol. I” and “Spontaneous activity in education” (ebook: The project Gutenberg, usato rispettando i termini della Project Gutenberg License riportati www.gutenberg.net)

4 thoughts on “Not smart enough?! Even smarter! – Part III

Add yours

  1. Argomenti di estremo interesse da studiare e approfondire, e non solo per gli scacchisti!
    Grazie per questo bel tentativo di comprensione e razionalizzazione delle tecniche di insegnamento (e ripeto: non solo per gli scacchisti!!).

    1. Just wait and see. We are not yet there. But thank you for your appraisal.

      Aspetta e vedrai. Non ci siamo ancora arrivati. Ma grazie per la valutazione

      Sabine

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Powered by WordPress.com.

Up ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: