Uno Scacchista

Annotazioni, Spigolature, Punti di vista e altro da un appassionato di cose scacchistiche

Il Turco, l’automa che giocava a scacchi

4 min read

(Francesco Lupo)
La rivoluzione elettronica ha determinato un fiorire di programmi, i famosi motori, che giocano a scacchi con una forza ormai tale da risultare quasi imbattibili per gli umani. Tali programmi ormai sono alla portata di tutti, facilmente reperibili ad un costo veramente limitato, in qualche caso anche gratuitamente.

I difetti dei programmi di una volta sono stati superati, gli algoritmi di autoapprendimento fanno si che i vari software non ripetano gli stessi errori. Anche strategicamente ormai il gioco dei motori si è molto avvicinato a quello umano e, chiaramente, la grande potenza di calcolo dei processori fa si che i programmi siano pressoché imbattibili dal punto di vista tattico.

La realizzazione di una macchina che batta l’uomo a scacchi è ormai un fatto compiuto, non ci resta che prenderne atto tenendo sempre conto che in fondo si tratta sempre di strumenti, che non possono e non devono sostituirsi a noi nei tornei e nelle competizioni.

Il gioco tra umani è tutta un’altra cosa.

L’idea di realizzare una macchina capace di battere l’uomo a scacchi però non è nuova.
Già nell’epoca pre-computer in molti hanno affrontato la sfida, risolvendola in modo spesso molto originale. Non si trattava, ovviamente di programmi che giocavano a scacchi, ma di veri e propri automi in grado di eseguire materialmente le mosse su una scacchiera e di sfidare avversari umani.

Ora, se da un punto di vista meccanico l’automa poteva essere concepito e realizzato, come dotarlo di un pensiero autonomo?

Ritratto di Johann Wolfgang von Kempelen 1930, autore sconosciuto (Immagine da Wikipedia)

Vediamo come risolse il problema Wolfgang von Kempelen[1] uno dei primi e più famosi ideatori di un automa scacchistico.

Inventore di origine ungherese, von Kempelen presentò nel 1769 alla corte di Maria Teresa d’Austria il suo Turco, un automa capace di giocare a scacchi con gli umani e spesso anche di batterli.

Si trattava di una macchina che aveva l’aspetto di un uomo mediorientale, con tanto di turbante, seduto ad un tavolo con una scacchiera. Il tavolo era una sorta di grande scatola piena di ingranaggi che venivano mostrati al pubblico tramite degli sportelli. In verità gli ingranaggi occupavano solo una parte della scatola e lasciavano spazio all’interno per un uomo di piccola statura che riproduceva le mosse su una piccola scacchiera ed azionava gli ingranaggi che permettevano all’automa di eseguire le mosse. Dal punto di vista meccanico l’automa era molto avanzato, naturalmente la sua capacità di giocare era solo un imbroglio, come intuì anche Edgar Allan Poe che nel suo Il giocatore di scacchi di Maelzel[2] del 1836  dimostra con logica stringente, come scrive Roberto Barbolini[3] “che l’automa ospita al proprio interno un essere umano in carne e ossa; l’incubo cibernetico di un campione artificiale della scacchiera (oggi nuovamente reale grazie ai prodigi computerizzati) viene provvisoriamente allontanato.”.

Napoleone Bonaparte in gran costume da Re d’Italia, Lombardia Beni Culturali (Pubblico dominio)

Il Turco ebbe molto successo e le sue esibizioni richiamavano sempre un folto pubblico. Molti furono i grandi personaggi che vollero accettare la sfida, tra di essi anche Napoleone Bonaparte che con l’automa[4] giocò e perse nel 1809 a Vienna al palazzo Schoenbrunn

Questa la posizione finale.

John Cochrane, prima del 1880 (Riproduzione di una riproduzione in un libro, autore sconosciuto)

Anche dei forti scacchisti si cimentarono contro il Turco, riuscendo a batterlo. Uno dei più famosi fu John Cochrane[5] che affrontò e sconfisse il Turco[6] a Londra nel 1820.

Raggiungendo la posizione finale del diagramma nella quale Il Turco abbandonò.

Il 5 luglio 1854, ad ottantacinque anni dai suoi esordi viennesi, il Turco fu distrutto da un grande incendio mentre si trovava al Peale Museum di Filadelfia.

[Articolo pubblicato su www.scacchiascuola.it il 18/06/2020]


[1] 1734-1804
[2] Pubblicato in Italia nel 2009 dalla casa editrice SE. Johann Maelzel rilevò il Turco alla morte di von Kempelen ed organizzo una tournée negli Stati Uniti con l’automa facendolo esibire in varie città. Ad una di queste esibizioni assistette anche E.A. Poe.
[3] Scrittore e giornalista 1951.
[4] Durante la partita l’automa fu azionato da Johann Allgaier.
[5] Giocatore scozzese (1798-1878) si trasferì presto a Londra, dove fu capitano del circolo di Londra nella famosa sfida per corrispondenza contro il circolo di Edimburgo iniziata nel 1824.
[6] Si presume che Il Turco sia stato azionato da Mouret.


Francesco Lupo
Sono innanzitutto un giocatore, innamorato degli scacchi a tal punto da occuparmene a 360°, sono infatti istruttore, arbitro ed organizzatore. Da qualche anno curo anche il sito www.scacchiascuola.it

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: