#CarlsenCaruana – R6: altra patta, ma che patta!

(Uberto D.)
La partita di ieri è stata veramente la partita che non ti aspetti. Un’altra apertura poco ambiziosa (stavolta una variante rarissima della Russa), un mediogioco nel quale Caruana surclassa un irriconoscibile e incerto Carlsen, un finale in cui lo sfidante, con un pezzo in più, non riesce a demolire la fortezza creata dal Campione, la chiusura con la patta e, in conferenza stampa, la notizia che in realtà la vittoria per Caruana a un certo punto c’era! Oggi un giorno di riposo e di recupero dell’equilibrio per i due giocatori: si riprende domenica sul 3 a 3, con Carlsen che avrà di nuovo il Bianco.

Dopo una Partita di Donna ed una Inglese, dalle quali Carlsen non aveva ottenuto un granché, tutti si attendevano 1.e4. E così è stato, con Caruana che, come previsto, ha risposto con la sua recente arma preferita, la Russa.

Caruana all’inizio della sesta partita (Foto WorldChess)

L’inizio è stato interessante per gli spettatori, con i 4 Cavalli che scorrazzavano per scacchiera in una variante che Caruana ha poi definito “forse divertente, ma che porta solo ad una posizione sterile“. E così è stato: Donne cambiate e struttura pedonale simmetrica, peggio che in una Francese di cambio. Eppure…

Le analisi del GM Sergio Mariotti e della manovra vincente trovata dal computer sono pubblicate in un post a parte

[Event “Match Mondiale 2018”]
[Site “Londra”]
[Date “2018.11.16”]
[Round “6”]
[White “Magnus Carlsen”]
[Black “Fabiano Caruana”]
[Result “1/2-1/2”]
[WhiteElo “2835”]
[BlackElo “2832”]
[WhiteTitle “GM”]
[BlackTitle “GM”]

1. e4 e5 2. Nf3 Nf6 3. Nxe5 d6 4. Nd3 Nxe4 5. Qe2 Qe7 6. Nf4 Nc6 7. Nd5 Nd4 8. Nxe7 Nxe2 9. Nd5 Nd4 10. Na3 Ne6 11. f3 N4c5 12. d4 Nd7 13. c3 c6 14. Nf4 Nb6 15. Bd3 d5 16. Nc2 Bd6 17. Nxe6 Bxe6 18. Kf2 h5 19. h4 Nc8 20. Ne3 Ne7 21. g3 c5 22. Bc2 O-O 23. Rd1 Rfd8 24. Ng2 cxd4 25. cxd4 Rac8 26. Bb3 Nc6 27. Bf4 Na5 28. Rdc1 Bb4 29. Bd1 Nc4 30. b3 Na3 31. Rxc8 Rxc8 32. Rc1 Nb5 33. Rxc8+ Bxc8 34. Ne3 Nc3 35. Bc2 Ba3 36. Bb8 a6 37. f4 Bd7 38. f5 Bc6 39. Bd1 Bb2 40. Bxh5 Ne4+ 41. Kg2 Bxd4 42. Bf4 Bc5 43. Bf3 Nd2 44. Bxd5 Bxe3 45. Bxc6 Bxf4 46. Bxb7 Bd6 47. Bxa6 Ne4 48. g4 Ba3 49. Bc4 Kf8 50. g5 Nc3 51. b4 Bxb4 52. Kf3 Na4 53. Bb5 Nc5 54. a4 f6 55. Kg4 Ne4 56. Kh5 Be1 57. Bd3 Nd6 58. a5 Bxa5 59. gxf6 gxf6 60. Kg6 Bd8 61. Kh7 Nf7 62. Bc4 Ne5 63. Bd5 Ba5 64. h5 Bd2 65. Ba2 Nf3 66. Bd5 Nd4 67. Kg6 Bg5 68. Bc4 Nf3 69. Kh7 Ne5 70. Bb3 Ng4 71. Bc4 Ne3 72. Bd3 Ng4 73. Bc4 Nh6 74. Kg6 Ke7 75. Bb3 Kd6 76. Bc2 Ke5 77. Bd3 Kf4 78. Bc2 Ng4 79. Bb3 Ne3 80. h6 Bxh6 1/2-1/2

[/pgn]


La conferenza stampa è stata comprensibilmente breve dopo le molte ore alla scacchiera, ma tre cose sono risultate chiare.

Come prima cosa, Carlsen non ha visto molte delle continuazioni giocate da Caruana, in particolare per ben due volte non ha previsto la mossa Aa3. La prima volta (35… Aa3) in pratica gli è costata un pedone, ma la seconda è stata molto più grave: avendo deciso di sacrificare un pezzo per 3 pedoni contando di avere due pedoni passati sul lato di Donna, ha visto solo dopo 48… Aa3 che ne avrebbe perso uno rapidamente.

La seconda cosa è che Carlsen (che aveva dichiarato in passato di non credere nelle fortezze) ha dovuto cercare e, diamogliene atto, trovare una fortezza che resistesse nonostante il pezzo in meno. Carlsen non è nuovo a miracoli di questo genere (famosa la sua patta con un pezzo in meno contro Kramnik al London Chess Classic del 2010), ma questa volta la posta in palio era così alta e la difficoltà nel costruire la fortezza così alta che la patta dovrebbe essere considerata come un eccellente risultato. Solo che…

… la terza cosa è che nessuno dei giocatori ha realizzato durante la partita che dopo 67. Rg6 e 68. Ac4, Caruana aveva a disposizione una continuazione vincente grazie a un complicato zugzwang. Dopo che Caruana aveva detto di essere stato sicuro che fosse una fortezza inespugnabile e che Carlsen si era detto contento di sapere che le fortezze esistono, Ian Rogers ha comunicato ai giocatori l’esistenza di una continuazione vincente. In apertura di articolo potete vedere la faccia che ha fatto Carlsen quando lo ha sentito, esclamando: “Non è che non credo al computer, è che non capisco perché quella continuazione vince” (la foto è presa dall’account Twitter della Federazione USA)

Poi i due hanno eseguito una rapida analisi che li ha lasciati più abbattuti di quanto, per opposti motivi, dovevano essere. La giornata di riposo capita a proposito per entrambi. Per Carlsen perché deve trovare di nuovo il suo equilibrio e la fiducia nei propri mezzi: va bene cercare di evitare la preparazione teorica dell’avversario, ma non va bene giocare varianti che, se sono giocate poco, ci sarà un motivo, no? Per Caruana per superare la delusione e per continuare quello che sembra il tema dominante del match fino ad ora: la capacità del Nero di uscire bene dalle aperture.

Vedremo Domenica pomeriggio come si saranno preparati i due giocatori alla replica della partita di ieri, ovvero con Carlsen che avrà di nuovo il Bianco.

One thought on “#CarlsenCaruana – R6: altra patta, ma che patta!

Add yours

  1. Qualcuno va dicendo che da quando i computer riescono a vedere meglio degli umani (“ho visto cose che voi umani non potete neanche immaginare”), gli scacchi siano finiti. Come dire che la gara olimpica dei cento metri piani è finita perché anche un’utilitaria riesce a battere Usain Bolt

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Powered by WordPress.com.

Up ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: