#GrandChessTour – Nakamura vince anche il Saint Louis Rapid & Blitz

(Uberto D.)
Dopo una settimana di rapid e blitz ad alto contenuto tecnico ed emotivo, Hikaru Nakamura ottiene la sua seconda vittoria consecutiva nel Grand Chess Tour 2018. Dopo aver vinto a Parigi, infatti, “Naka” ha vinto anche a Saint Louis, riprendendo e superando Caruana (che aveva iniziato alla grande la sezione Rapid) vincendo il testa-a-testa con Mamedyarov e resistendo al ritorno di Vachier-Lagrave. In questa settimana di Ferragosto, vi mostro anche 5 belle combinazioni giocate nel torneo. Tutti pronti adesso per la Sinquefield Cup con Carlsen?

[Nella foto di Lennart Ootes, tratta come tutte le altre dal sito del torneo, Nakamura è assieme alla sua ragazza, Maria De Rosa]

Classifiche, foto e qualche bella combinazione

Jovana Eric dorme poco

(Topatsius)
“I ricercatori della Duke University hanno esaminato 210 uomini e donne di età compresa tra i 18 e i 65 anni analizzando la qualità e la frequenza del loro sonno e hanno valutato alcuni parametri legati alla salute, tra cui il disagio psicologico e il benessere fisico”.
Lessi questo qualche mese fa dal barbiere su una rivista femminile.
Così continuava l’articolo:

‘Shrez’ può rimanere in Inghilterra

(Uberto D.)
Lunedì scorso vi ho raccontato dei problemi incontrati da due bambini nell’inseguire il loro sogno di giocare a scacchi, problemi di tipo politico/amministrativo e non certo scacchistico. Sono molto contento d potervi confermare che, dopo la soluzione del problema di Liel Levitan, anche la situazione di Shreyas Royal si è risolta positivamente.
Una bella notizia, con un messaggio positivo su quello che gli scacchi possono far succedere

Il #GrandChessTour attraversa l’Oceano

(Uberto D.)
Il fitto calendario del 2018 non sembra ammettere pause. Pochi giorni di riposo dopo Biel e già si passa dall’altra parte del “Pond” (lo stagno, come viene colloquialmente chiamato l’Oceano Atlantico dagli anglosassoni) per l’accoppiata dei tornei di Saint Louis validi per il Grand Chess Tour 2018.

[Nell’immagine di apertura, una scacchiera autografata dai giocatori del Saint Louis Rapid & Blitz del 2017]
Presentazione e qualcosa sugli ultimi mesi di Leinier Dominguez

Giovani scacchisti e le regole “dei grandi”

(Uberto D.)
Siamo abituati a vedere gli scacchi raggiungere le pagine dei quotidiani principalmente per notizie che fanno scalpore, più che per i risultati sportivi. E due notizie dei giorni scorsi non fanno eccezione: la piccola (7 anni) israeliana Liel Levitan e il ragazzino inglese di origini indiane Shreyas Royal (9 anni), entrambi grandi promesse, si stanno confrontando con le regole scritte “dai grandi” che sembrano impedir loro di coltivare sogni scacchistici. Per Liel il problema dovrebbe essere risolto, per Shreyas ancora no.

[London Chess 2017 – Shreyas Royal giocò la mossa iniziale della partita Carlsen-Anand (Foto di Lennart Ootes dal sito del torneo)]
Sono due storie completamente diverse, ma accomunate dal senso di ingiustizia che suscitano

Maratone scacchistiche

(UnoScacchista)
Non so che tipo di giocatori siete voi, ma io ero un buon esponente della scuola “peripatetica”, nel senso che ho sempre camminato parecchio tra una mossa e l’altra. Questo comportamento, assolutamente personale, è comune a molti e anche tra i campioni ci sono grandi camminatori. Già, ma… che distanza si può arrivare a percorrere durante una partita?

[Biel 2018 – Svidler (Foto Simon Bohnenblust / Biel Chess Festival)]
Da Biel, Peter Svidler ci fornisce una risposta

Tornei Seniores

(Marco B.)
Bad Wiessee è una cittadina sul Tegernsee in Baviera, famosa nel mondo scacchistico per il Campionato Open Bavarese, OIBM (Offene Internationale Bayerische Schachmeisterschaft) quest’anno alla 22 edizione. Un torneo che si svolge fra ottobre e novembre e che raccoglie centinaia di giocatori fra cui Grandi Maestri di alto e altissimo livello.

[Tutte le foto sono dell’autore]

Tornei Seniores in Germania, da Bad Wiessee a Radebeul…

Powered by WordPress.com.

Up ↑