Il piacere di giocare a scacchi non ha età

(UnoScacchista)
Scordiamoci campionati, titoli in palio, torneo a squadre, promozioni e punteggi Elo: cosa rimane? Il piacere di giocare a scacchi, di condividere una passione e di sfidarsi senza pressioni particolari. Il 25 e il 26 Marzo a Jurmala si è giocato un match tra due giocatori apparentemente intramontabili: Nona Gaprindashvili e Evgeny Sveshnikov.

Una sfida che rimanda a qualche decennio fa, anche se, nel periodo d’oro dei due giocatori, mai si sarebbe potuto pensare a un match tra di loro, visto l’allora quasi incompenetrabilità degli scacchi femminili con quelli maschili.

La georgiana Nona Gaprindashvili, oggi 75enne, è stata campionessa del mondo per 16 anni tra il 1962 e il 1978 e la prima donna ad ottenere, nel 1978, il titolo di Gran Maestro (“meritato“, come tenne a precisare Pal Benko). Tanta è la sua importanza nella storia degli scacchi che, con lei ancora gagliardamente in giro a spostare pezzi sulla scacchiera, alle Olimpiadi Scacchistiche viene aggiudicato il premio “Nona Gaprindashvili” alla Nazione che arriva prima nella classifica combinata maschile e femminile. Tanto per smentire chi potrebbe pensare che ormai le sue capacità scacchistiche siano scomparse, ricordo che è campionessa del mondo 65+ in carica da tre anni.

Il léttone Evgeny Sveshnikov, che ha da poco compiuto 67 anni, ha legato il suo nome a una ben nota variante della Difesa SIciliana e, come dimostrato anche di recente, si difende ancora molto bene nei tornei, anche rapid.

L’incontro, organizzato in paralleo a un torneo rapid con partecipazione riservata a ragazzi sotto i 15 anni e adulti sopra i 55 anni (una combinazione curiosa e interessante, ammetterete) , ha un sapore particolare, sia per l’effetto, se vogliamo, nostalgico di vedere questi due grandi interpreti degli scacchi fronteggiarsi sia per l’atmosfera rilassata che entrambi hanno affermato di apprezzare.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA
(Fonte Chess-news.ru)

Il risultato? Non è la cosa più importante, ovviamente, ma è giusto riportarlo. Anche perchè prima del match il bilancio tra i due giocatori era a favore della georgiana, che, come Sveshnikov ha tenuto a precisare, “dopo avere combattuto alla pari con tutti i grandi campioni, è ancora molto forte“.

Sve-Gap @ Tals grave
Gaprindashvili e Sveshnikov a Riga, in visita al monumento a Tal
(fonte Federazione Russa)

Giocato su 6 partite rapid, alla fine Evgeny ha prevalso nettamente (5 a 1 con due patte). Nona non sarà stata contenta alla fine, ma le partite non sono state tutte decisamente in favore del lituano, che alla fine ha reso onore all’avversaria e al pubblico in questo modo “Sono state tutte partite combattute e a Nona è mancata solo l’energia.” “Dopo la prima giornata di gioco (NdA: Sveshnikov era in vantaggio per 2,5 a 0.5) mi sarei anche accontentato di tre patte, ma abbiamo voluto giocare per il pubblico che è accorso numeroso.” “Dopo due giorni e sei partite mi sento abbastanza stanco: non so so come faccia Nona, che sembra fresca come una rosa!

Chissà se un giorno, tra 30 anni, si giocherà un match tra Judit Polgar e Baadur Jobava e chissà come finirà!

Rispondi

Powered by WordPress.com.

Up ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: