Da Reykjavik a Shamkir (passando per Poikovski e Gallipoli)

(UnoScacchista)
Proseguiamo con i nostri brevi resoconti sui tornei che si sono giocati in questo ricco Aprile 2017. Anticipati dalle nostre Domeniche Scacchistiche, si sono chiusi l’Open di Reykjavik, vinto da Anish Giri, e il Memorial Gashimov, vinto da Mamedyarov. Ma parleremo anche del Torneo “Karpov” e dei Campionati Italiani a Squadre che si sono giocati a Gallipoli.

[nella foto,  l’Harpa Concert Hall and Conference Center di Reykjavik]


Reykjavik Open 2017 (Reykjavik, 19-27 Aprile)

Il forte Open islandese ha visto la partecipazione di 266 giocatori, che hanno dato vita al solito frizzante torneo ospitato nella splendida sede dell’Harpa Concert Hall and Conference Centre.  L’elenco dei partecipanti vedeva anche giocatori di prestigio, tra cui due membri del Club 2700 (Anish Giri, Dmitry Andreikin e Jobava Baadur) e altri forti giocatori come Almasi, Shirov. Movsesian, Gawain Jones, Vidit, Kamsky, Grandelius (il più forte giocatore scandinavo dopo Voi-Sapete-Chi) e il vincitore dell’anno scorso, l’indiano Gupta.

Molto interessante anche la partecipazione dei giovanissimi talenti indiani PraggnanandhaaNihal Sarin, oltre che della promessa olandese Jorden Van Foreest.

Con un torneo impeccabile (7 vittorie e 3 patte), condotto sempre in testa a parte un breve interregno del turco Emre Cam al settimo turno, ha vinto il grande favorito, il GM olandese Anich Giri. A distanza di mezzo punto, a 8 su 10, lo hanno seguito (e inseguito a lungo) Van Foreest (a consolidare il succeso olandese), l’armeo Movsesian, l’indiano Gupta (che evidentemente si trova bene in Islanda) e il redivivo Gata Kamsky.

Reykjavik 2017 - Anish & Sopiko
Il vincitore Anish Giri con la moglie, Sopiko Guramishvili, che ha ottenuto 6 su 10
(foto dalla pagina facebook del torneo)

Giri ha giocato brillantemente, come è necessario fare per vincere i tornei Open: abbiamo già mostrato una sua bella conclusione nell’ottavo turno contro Donchenko. Meno brillanti Andreikin e Jobava, giunti distanti, rispettivamente a 7 punti e a 6 punti e mezzo. Voglio comunque mostrarvi una posizione particolarmente originale di cui, ça va sans dire, è stato protagonista il georgiano.

Jobava-Stefansson dopo 12. dxe6
Jobava-Stefansson, 5° turno, dopo 12. dxe6

Un filotto di pedoni sulla colonna e ma, soprattutto, le colonne d ed f aperte per quello che sarà un attacco vincente, concluso alla 30a mossa. I due gioiellini indiani Praggnanandhaa e Nihal Sarin hanno concluso a 6 punti: risultato buono ma non sufficiente per le norme di GM.

Chiudiamo con il podio femminile, che ha visto Harika Dronovalli prevalere per spareggio sulla statunitenze Tatev Abrahamyan (sempre riconoscibile dall’improbabile colore di capelli) e la mongola Tuvshintugs Batchimeg.

Reykjavik 2017 - Podio femminile
Brava Harika! Tatev, per Hogwarts stai andando bene 🙂
(foto dalla pagina facebook del torneo)

Memorial Gashimov 2017 (Shamkir, 21-30 Aprile 2017)

Shakhriyar Mamedyarov ha vinto per il secondo anno consecutivo il Memorial Gashimov, che quest’anno si è svolto a Shamkir dal 21 al 30 Aprile. Shak ha condotto il torneo fin dal primo turno, quando ha battuto con il Nero l’apparentemente imbattibile Wesley So, mettendo così fine alla sua lunga striscia di risultati positivi.

Shamkir 2017 - Mame
Mamedyarov con il trofeo. Alla sua destra, Sarkhan Gashimov, fratello del compianto Vugar.

Da lì in poi ha navigato con il vento in poppa, battendo anche Eljanov e Kramnik, fino a quando, ormai in vista del traguardo, è incappato in una brutta sconfitta con il GM polacco Wojtaszek. Ma siccome evidentemente Mame gode di una buona protezione del fato, nessuno è riuscito ad approfittarne, neanche Topalov che ha avuto a disposizione il match-point costituito dall’incontro diretto all’ultimo turno: una sicura patta ha consegnato la vittoria all’azero, che non è neanche dovuto ricorrere agli spareggi visto che So non è riuscito a battere Harikrishna.

Shamkir 2017 - Classifica

La prestazione volitiva di Kramnik, molto combattivo, ha fruttato solamente un +1 e un secondo posto (per spareggio) davanti a So e Topalov. Ed è stata necessaria tutta la sua tencica per vincere all’ultimo turno con Eljanov, molto fuori forma quest’anno (lui stesso si è definito un “Babbo Natale” in vena di regali).

Deludenti sia Karjakin sia Radjabov, ma soprattutto Harikrishna, che è ormai lontano dall’insidiare Anand in classifica Elo come miglior giocatore indiano.

Shamkir 2017 - Tutti sul palco
La cerimonia di chiusura del torneo

A detta di tutti, un torneo organizzato alla perfezione, che merita sicuramente di essere mantenuto per gli anni a venire: la principale motivazione (ricordare Vugar Gashimov) non verrà certo meno.

E una foto come quella qui sotto, che mostra i grandi nemici Kramnik e Topalov in un momento conviviale assieme a Mamedyarov, forse è un regalo di Vugar.

Shamkir 2017 - Kramnik e Topalov in relax
Shamkir, dopo la fine del Memorial Gashimov (da Chess-News.ru)

Karpov Poikovsky 2017 (Poikovsky, 18-27 Aprile)

La diciottesima edizione del torneo dedicato ad Anatoly Karpov ha visto un vincitore a sorpresa: l’israeliano Emil Sutovski, che con 7 punti su 9 ha vinto per spareggio tecnico sul russo Najer.

Poikovski 2017 - Classifica

Vista la battaglie che Sutovski, in qualità di Presidente dell’ACP (Association of Chess Professionals) sta combattendo contro il cheating, chiedendo di verificare tutti i risultati non in linea con le fluttuazioni ragionevoli rispetto al punteggio Elo e all’età dei giocatori, c’è chi ha scherzosamente suggerito di effettuare controlli approfonditi su di lui!

Poikovski 2017 - Winner
La premiazione del vincitore
(foto di Vassily Papin, dalla pagina Facebook di Emil Sutovski)

Battute a parte, Sutovski ha giocato molto, molto bene e la sua vittoria è pienamente meritata, superando parecchi giocatori da 2700 o giù di lì, come Inarkiev, Jakovenko, Rodshtein e Korobov, che ha iniziato male perdendo con Najer, per poi infilare una serie di vittorie fino a quando Sutovski ne ha bloccato definitamente le speranze di primo posto. Un incubo invece il torneo di Bologan.


1st BRICS Chess Masters 2017 (Baoji, 23-26 Aprile 2017)

Una annotazione rapida per la prima edizione di un torneo Rapid riservato a giocatori delle federazioni dei Paesi BRICS (Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica). Si è svolta a Baolj, in Cina, e ha visto la partecipazione di due giocatori per federazione.

BRICS 2017 - Yu Yangyi-Potkin
La partita tra Yu Yangyi e Potkin (fonte Xinghua.net)

Ha vinto il GM cinese Yu Yangyi con 7 su 9, superando l’indiano Sethuraman (6), l’altro cinese Li Chao e i russi Motylev e Potkin (5.5)


Campionato Italiano a Squadre (Gallipoli, 27 Aprile-1 Maggio)

Si sono svolti a Gallipoli il 49° CIS Master e il 10° CIS Femminile. Ottima e qualificata la partecipazione, con, tra gli stranieri, il GM spagnolo Vallejo-Pons, il GM ungherese Leko e la speranza norvegese GM Aryan Tari. Praticamente tutti i nostri migliori giocatori hanno partecipato, per un totale di 152 giocatori in rappresentanza di 18 squadre.

CIS 2017 - Banner

Si è confermata Squadra campione la “Obiettivo Risarcimento Padova”, forte di un organico di 8 GM, tra cui Vallejo-Pons, Leko, Godena, Vocaturo e il campione italiano David. Ai posti d’onore Chieti e Montebelluna.

CIS 2017 - Classifica

Non riesce quest’anno il colpaccio al “mio” DLF Steinitz: l’anno scorso era giunto sorprendente quinto, ma stavolta c’è stato poco da fare: nessuna vittoria e solo tre pareggi di squadra lo hanno relegato all’ultimo posto.

Ecco una galleria di immagini della squadra Campione d’Italia. Le foto sono di Valeria Ferrara e Matteo Zoldan, prese dal sito del Campionato.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Al Campionato Femminile hanno partecipato solamente 7 squadre, per un totale di 34 giocatrici. Ha vinto con sicurezza “Caissa Italia Pentole Agnelli”, che ha schierato il MI Elisabeth Paehtz, Marina Brunello, Mariagrazie De Rosa, Alessia Santeramo e Silvia Guerini. Con 6 vittorie e una sola patta ha superato le Squadre di Padova (che ha schierato l’ex-campionessa del mondo Stefanova e il MI Martha Fierro) e di Chieti (con la GM Monicka Socko e il MI Olga Zimina). Lazio Scacchi, con le MI Sabrina Vega Gutierrez e Elena Sedina, ha chiuso al quarto posto.


Bundesliga 2016-2017

Tanto per non farci mancare nulla, lunedì 1 Maggio si è chiuso il campionato a squadre tedesco che si è giocato tra 16 Club in 7 fine-settimana a partire dal 15 Ottobre 2016.

Bundesliga 2017 - Last round
La sala dell’Hotel Maritim di Berlino, dove si è giocato l’ultimo turno della Bundesliga Open e Femminile (foto da Chess-News.ru)

Ha vinto, di nuovo (e per la undicesima volta) il team di Baden-Baden, che ha chiuso a punteggio pieno davanti a Hockenheim e Solingen. Vista la composizione della squadra vincente, non è sorprendente che abbiano sbaragliato tutti: Fabiano Caruana, Maxime Vachier-Lagrave, Levon Aronian, Viswanathan Anand, Peter Svidler, Radoslav Wojtaszek, Michael Adams, Francisco Vallejo Pons, Rustam Kasimdzhanov, Etienne Bacrot, Alexei Shirov, Arkadij Naiditsch, Sergei Movsesian, Georg Meier, Peter-Heine Nielsen e Jan Gustafsson. E come si fa a competere?

Bundesliga 2017 - Winners
La squadra vincente alla premiazione del 1 Maggio (foto da Chess-News.ru)

Da sottolineare la partecipazione di Anatoly Karpov, che ha giocato due partite a inizio e fine campionato con una vittoria e una patta, e la splendida vittoria di Granda Zuniga con il Nero contro Anish Giri all’11° turno, l’8 di Aprile: un sacrificio di qualità rischioso per ottenere una superiorità dinamica per la coppia degli alfieri.

In campo femminile ha vinto a sorpresa Schwäbisch Hall, superando di un punto le grandi favorite di Baden Baden (che hanno schierato la Kosteniuk e le sorelle Muzychuk). Il pareggio di Baden-Baden con la squadra di Amburgo al settimo turno ha reso inutile tutte le nette vittorie successive: Schwäbisch Hall, con una formazione meno titolata ma più omogenea, ha continuato a vincere fino all’ultimo turno. Grande protagonista la lituana Deimantė Daulytė, con le sue 9 vittorie in 9 partite.

Bundesliga 2017 - Winners F
Le nuove campionesse tedesche, guidate da Nino Batsiashvili. (Foto da Chess-News.ru)

E per questa settimana è tutto. Sapremo tra qualche giorno chi sarà il nuovo campione cinese e chi vincerà il campionato a squadre russo.

One thought on “Da Reykjavik a Shamkir (passando per Poikovski e Gallipoli)

Add yours

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Powered by WordPress.com.

Up ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: