Uno Scacchista

Annotazioni, Spigolature, Punti di vista e altro da un appassionato di cose scacchistiche

… e un bel gambetto vincente di Serafino Dubois

5 min read

Lowenthal, De Riviere, Wyvill, Falkbeer, Staunton, Lyttelton, Captain Kennedy

(Bruno Arigoni, con prefazione della Redazione)
Tra gli scalpi di prestigio del professor Serafino Dubois sicuramente si annovera quello dell’inglese Marmaduke Wyvill (1815-1889). Un bel personaggio costui. Voi sapete bene che in pochissimi hanno utilizzato gli scacchi per cercare di fare carriera politica; da oggi sapete anche, se già non lo sapevate, che ci fu invece un tale che utilizzò la politica per giocare a scacchi. O almeno ciò è quanto affermano alcuni testi.

Marmaduke Wyvill, infatti, nato il 22.12.15 nel North Yorkshire da una ricca famiglia, decise nel 1847 di candidarsi a deputato (riuscendovi) proprio per avere la scusa di recarsi a Londra in Parlamento, a Londra dove erano attivi vari club di scacchi. E quindi affinare la sua forza. E ci riuscì così bene che nel primo grande torneo della storia degli scacchi (Londra 1851) giunse in finale contro Adolf Anderssen (perdendo onorevolmente per 2,5 a 4,5).

Che insomma Wyvill si sia recato a visitare anche Roma nel 1859 soltanto per giocare col nostro Dubois? Eppure lui già conosceva benino entrambi, dal momento che fra il 1845 e il 1846, quando soggiornò a lungo in Roma, perse una sfida con Serafino Dubois col punteggio di 55 a 26. E’ vero che nella rivincita prevalse Wyvill per 39 a 30, ma col piccolo particolare di aver avuto il vantaggio di tratto e pedone (!).

Questi punteggi dicono parecchio sul valore di Serafino, e fu veramente un peccato che lui non poté trovare nessuno sponsor per andare a giocare quel famoso torneo londinese del 1851 che vide Wyvill addirittura sul secondo gradino del podio! E vediamo allora il bel successo del 1859 di Dubois contro Wyvill, con il commento di Bruno Arigoni:

DUBOIS – M. WYVILL
Roma, Accademia Romana degli Scacchi, gennaio 1859
Note di Bruno Arigoni


Bruno Arigoni è nato ad Alatri, in provincia di Frosinone, nel 1965. Maestro di scacchi nel gioco per corrispondenza, nonché Candidato Maestro nel gioco a tavolino. Ha scritto monografie sulle aperture, curato le memorie (1840-80) di Serafino Dubois e svariati articoli di argomento storico, culturale e aneddotico pubblicati sulle riviste «Scacco!» e «L’Italia scacchistica».

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: