Evgenij Znosko-Borovskij

(Riccardo M.)
Evgenij Aleksandrovič Znosko-Borovskij (Pavlovski 28.8.1884-Parigi 30.12.1954), scrittore e giocatore, fu una delle figure più significative dello scacchismo internazionale nella prima parte del XX° secolo.
Di famiglia aristocratica, ebbe una vita molto intensa e ricca, “spericolata” direbbe oggi qualcuno.

Giocatore molto precoce…

Il Maestro Werner Kunerth

(Riccardo M.)
Ci eravamo attardati, quella sera di fine ottobre del 1980, nel magico salone del Casinò di Arco di Trento, tradizionale teatro di gioco, fin quasi, ultimi, ad esserne cacciati via. Per tal motivo fummo anche gli ultimi a prender posto a tavola, per la cena, nella accogliente e calda saletta della nostra piccola pensione. Abitudine, questa di essere ultimi, alla quale noi “ragazzi del Sud” abbiamo sempre avuto difficoltà a derogare.

[Foto dall’archivio dei circoli di scacchi di Francoforte sul Meno]

Maestro Kunerth, com’è andata la partita?

I fantastici avvenimenti degli anni ‘70

(Riccardo M.)
Un momento, prego: che non si cada in errore col titolo! No, non parliamo dell’epoca dei vari Fischer, Spassky, Larsen, Tal, Portisch eccetera, bensì degli anni Settanta del secolo XIX: cent’anni prima, sì, ma altrettanto gloriosi anche se geograficamente limitati a pochi Paesi. Vediamo allora in sintesi gli avvenimenti principali di quegli anni, nel mondo e qui in Italia.

(James Hamilton (1818-1880): “A Game Of Chess”, olio su tela)

Fra il 1870 e il 1879

Fischer-Spassky 1972 – UnoScacchista a RaiRadio1

Sabato prossimo, 10 Novembre, alle 23:35 va in onda su RaiRadio1 una puntata del programma “Il Pescatore di Perle” con oggetto la sfida Fischer-Spassky del 1972.
Ancora?”, direte voi. Be’, il fatto è che il curatore del programma, Carlo Albertazzi, offre agli ascoltatori “storie, personaggi, fatti poco conosciuti o sepolti dal tempo” come tesori riscoperti per la loro valenza culturale e sociale. Ed è innegabile che il “Match del secolo” (scorso) sia stato un evento che ha segnato una stagione della nostra storia, travalicando i confini degli scacchi giocati.

11.11.2018 – Aggiornato con il podcast della trasmissione
Un ricordo di quel 1972 con Massimo Teodori, Bruno Pizzul e Uberto

A colloquio con Vincent Keymer

(Sabine S.)
(UnoScacchista) Dopo la clamorosa vittoria al Grenke Open di Karlsruhe, Vincent Keymer è balzato improvvisamente sul grande palcoscenico degli scacchi. Immaginate: 13 anni, talento precoce, giovane tedesco che mette in riga fior di GM in terra di Germania… un mix ideale per andare sulle prime pagine di riviste e giornali. UnoScacchista non poteva essere da meno e, grazie a Sabine, siamo riusciti a intervistare “a distanza” Vincent. Ecco il risultato.
Sabine: Se aveste incontrato Vincent a Karlsruhe, come è successo a me, sareste anche voi rimasti sorpresi.

Powered by WordPress.com.

Up ↑