RIP, terribile Viktor

Oggi,a 85 anni, se ne è andato uno dei grandi protagonisti degli scacchi per più di cinquant’anni, dal dopoguerra fino a pochi anni fa. Figura controversa e ruvida del panorama scacchistico mondiale, molto si è detto e molto si è scritto su di lui; non verrà ricordato solo per le sue complesse combinazioni posizionali, per i suoi scontri con i grandi (Karpov in primis) e per la sua vita da esule, ma soprattutto per la sua inesauribile energia e la sua insaziabile voglia di scacchi.

3 thoughts on “RIP, terribile Viktor

Add yours

  1. Nel 1982 seguii tutti i giorni del torneo internaizonale “Banco di Roma” organizzato (e giocato!) da Alvise Zichichi.
    Come redattore di Zeitnot avevo accesso al backstage e solo poter stare vicino a leggende come Korchnoi e Benko o grandi promesse come Pinter (che vinse il torneo a pari merito con Korchnoi) fu un vero privilegio.
    Il torneo fu molto ricco di spunti (ben raccontati a suo tempo su Zeitnot) ma vedere Mariotti battere il grande Viktor (che solo l’anno prima aveva sbaragliato tutti con un perentorio 8 su 9) con uno dei suoi attacchi micidiali fu davvero una grande emozione.

    1. Sì, ricordo c’ero anch’io! Al Centro Banco di Roma sulla Salaria. Bei tempi! Ma anche questi (tempi) non sono male!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Powered by WordPress.com.

Up ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: