Scacchi in carcere a Spoleto

Riceviamo dalla FSI e volentieri pubblichiamo.


(di Fabrizio Frigieri, consigliere nazionale FSI)

Lo scorso sabato 7 aprile sono intervenuto al primo storico incontro del Campionato Italiano a Squadre disputato presso un carcere di massima sicurezza, a Spoleto.

Ho raccolto con piacere l’invito dell’istruttore Mirko Trasciatti, che da anni svolge corsi presso l’istituto carcerario di massima sicurezza alle porte di Perugia. Per la Federazione Scacchistica Italiana si tratta di una prima assoluta.

Ringrazio Mirko Trasciatti per l’invito, per l’impegno e gli importanti risultati che sta raggiungendo con questo progetto. Ringrazio anche gli amici del Bobby Fischer di Viterbo che hanno accettato di giocare l’incontro CIS presso il carcere di Spoleto, cogliendo questa opportunità. Ringrazio la responsabile del progetto “Sport in carcere” Sabrina Galanti per l’importante opera di sostegno e rieducazione a beneficio dei detenuti e per aver creduto in questo progetto.

Ritengo personalmente sia stata un’esperienza di assoluto valore sportivo e umano, che la nostra disciplina riesce spesso ad amalgamare. In particolare sono rimasto molto colpito dallo spirito di squadra e dalla determinazione con le quali la squadra dei detenuti ha affrontato l’evento.
Per loro ha sicuramente rappresentato un’importante proiezione verso il mondo sportivo al di fuori delle mura carcerarie e una sana opportunità di confronto agonistico a coronamento dei corsi scacchistici frequentati con passione.

Carcere Spoleto
il carcere di Spoleto

Questo il comunicato stampa sull’incontro:


SPOLETO – Sabato 7 Aprile si è svolto per la prima volta all’interno di un istituto penitenziario un incontro del Campionato Italiano a Squadre. Il match che si è disputato presso il carcere di Spoleto, ha visto scontrarsi la squadra dell’A.S.D. folignate “Diamoci Una Mossa” e quella viterbese “Bobby Fischer”.

L’evento, promosso dal CONI Umbria e dall’Istruttore FIDE Mirko Trasciatti, ha visto la partecipazione di significative figure del mondo sportivo, quali il Presidente del CONI Umbria, Domenico Ignozza, il Direttore Nazionale del Campionato Italiano a Squadre nonché consigliere della Federazione Scacchistica Italiana, Fabrizio Frigieri, l’Ispettore e responsabile del progetto “Sport in Carcere”, Edoardo Cardinali, l’Educatrice e responsabile del progetto “Sport in Carcere”, Sabrina Galanti e lo stesso Trasciatti.

All’evento hanno partecipato i cinque detenuti (quattro giocatori e un capitano non giocatore) che per il secondo anno consecutivo si sono tesserati alla F.S.I. e che dal giugno 2015 stanno seguendo il corso scacchi. La squadra viterbese si è invece presentata con il Presidente dell’associazione, Danilo Monarca, che ha giocato in prima scacchiera, seguito in ordine da Francesco Cristofori, Francesco Ciuchi e Lorenzo Centomani.

Durante l’evento non sono mancati i riconoscimenti che sono stati assegnati alle autorità presenti. Il Presidente del CONI Umbria, Domenico Ignozza ha voluto omaggiare con un gagliardetto del CONI regionale le due squadre presenti, il Consigliere FSI Frigeri e Mirko Trasciatti.

Lo stesso Trasciatti, in qualità di Consigliere dell’Associazione Scacchistica Italiana Giocatori per Corrispondenza, ha consegnato a tutti i presenti una copia dello YearBook dell’A.S.I.G.C., che è stato molto apprezzato.

Un ringraziamento, commentano i detenuti, va anche a chi come Roberto Messa, Lorenzo Benetti e Luca Barillaro hanno permesso di migliorare il loro livello tecnico attraverso donazioni o scontistiche riservate.

La manifestazione, che aveva come obiettivo quello di mettere a frutto le conoscenze e gli insegnamento fino ad ora appresi, ha permesso così ad A. S., V. H., S. D.M., P. M. e P.C. L. (i nomi sono stati oscurati per motivi di privacy) di mettersi alla prova con giocatori esterni e di alto livello.

L’unico risultato utile è stato riportato in terza scacchiera da S. D.M. che riesce a pattare la propria partita facendo chiudere l’incontro sul 3.5 a 0.5 per la squadra ospite:

“Diamoci Una Mossa” Foligno – “Bobby Fischer” Viterbo 0.5 – 3.5

L’evento, estremamente gradito sia dai detenuti che dalla Direzione carceraria, potrebbe avere in futuro una seconda edizione”, ha dichiarato Mirko Trasciatti.

Nel frattempo i detenuti si stanno preparando per un altro evento, questa volta di rilevanza internazionale. Nei prossimi mesi, infatti, si disputerà un match “rapid” su cinque scacchiere e dieci partite (andata e ritorno) contro un carcere americano. Lo stesso incontro partirà invece nei prossimi giorni per corrispondenza grazie all’appoggio dell’A.S.I.G.C..

Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Powered by WordPress.com.

Up ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: