Uno Scacchista

Annotazioni, Spigolature, Punti di vista e altro da un appassionato di cose scacchistiche

Mame vince il Grand Prix a Riga

5 min read

(UnoScacchista)
La seconda tappa del FIDE Grand Prix 2019 è stata vinta da Shakhriyar Mamedyarov, che ha così riscattato la prova opaca del Grand Prix di Mosca. In finale l’azero ha battuto con difficoltà Maxime Vachier-Lagrave, che si è arreso solo nella partita “Armageddon”. I quattro finalisti delle due tappe guidano la classifica del Grand Prix, con Grischuk e Mamedyarov in vantaggio di un punto su Nepomniachtchi e due su Vachier-Lagrave (che però hanno giocato un solo torneo).

[Foto di Niki Riga]


Anche a Riga si sono viste molte patte (21 sulle 24 partite dei primi due turni di eliminazione), ma per fortuna le semifinali e la finale hanno visto i giocatori giocare decisamente per la vittoria diretta. Alla fine, comunque, solo i due finalisti sono stati in grado di conquistare i punti di bonus legati alla vittoria nei match in due partite. Vediamo comunque il tabellone finale ((potete cliccare sull’immagine per ingrandirla)

Di nuovo molto deludenti Giri e Aronian, che ormai devono cercare altri modi per trovare la qualificazione al prossimo Torneo dei Candidati, ma ancora più particolare il fatto che le sette vittorie totali siano solo di Mamedyarov e Vachier-Lagrave: una circostanza che continua a sollevare dubbi sulla validità di questo formato.

Al primo turno, David Navara (al suo debutto nella competizione) ha perso malamente in questo modo:


Abbastanza sconcertante anche il modo con cui Wesley So ha perso in semifinale contro Mamedyarov:


Grischuk ha avuto molte parole di elogio per Vachier-Lagrave per la vittoria nella seconda partita di semifinale.

Una lunga battaglia, frutto di un atteggiamento molto sicuro da parte del francese.


Il mini match di finale ha visto un inizio scoppiettante, con una vittoria per parte. Mi ha impressionato molto la vittoria del francese nella seconda partita: avendo perso la prima, Vachier-Lagrave era praticamente con le spalle al muro e con la necessità di vincere per almeno pareggiare il match. Missione compiuta, scegliendo come apertura nientemeno che il Giuoco Pianissimo!


Dopo questo scambio di vittorie, il match è proseguito sul filo di una precaria parità, fino all’Armageddon, vinto con il Nero da Mamedyarov.

Ed ecco, infine, la classifica aggiornata del FIDE Grand Prix.

Adesso la manifestazione va in pausa fino a Novembre, quando si svolgerà, ad Amburgo (Germania) la terza tappa. Nel frattempo, mentre leggete queste righe si sta svolgendo il torneo Rapid & Blitz di Parigi, valido per il Grand Chess Tour 2019.

Nepomniachtchi lo sta giocando dopo aver appena finito il Torneo Sparkasse di Dortmund, vinto dal redivivo Leinier Dominguez. Ma dove trovano il tempo di studiare questi qua?

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: