Uno Scacchista

Annotazioni, Spigolature, Punti di vista e altro da un appassionato di cose scacchistiche

Pro Chess League 2020 – Un brillante Firouzja batte Caruana!

6 min read
In attesa di vedere Firouzja battersi di nuovo con i Top-players, la sfida con Caruana nella Pro Chess League 2020 ha offerto un'altra anteprima di quello che il ragazzo potrebbe diventare.

(UnoScacchista)
Lo so, una vittoria in una partita Rapid non vuol dire nulla e una rondine non fa primavera, ma se il buongiorno si vede dal mattino Alireza Firouzja ce la sta mettendo tutta per convincerci che è lui il nuovo che avanza (NdA: prometto, niente più frasi fatte in questo post). Al di là di considerazioni sul futuro del ragazzo, la partita che vi mostro oggi ha effettivamente quel tocco di genio che a posteriori si può forse spiegare razionalmente, come proverò a fare, ma che in partita viva pochi possono non solo giocare, ma addirittura concepire.

La partita è stata giocata qualche giorno fa in uno dei match on-line della competizione a squadre Pro Chess League, che da qualche anno organizza il sito chess.com. Il formato della competizione è molto interessante e mette di fronte giocatori di Elo diverso in partite Rapid da 10 minuti, con 2 secondi di incremento.

E’ questa la cadenza della partita che Firouzja, con il Nero, è stato chiamato a giocare contro il numero 2 del mondo Fabiano Caruana. Il nome dell’iraniano è tra i più presenti nelle cronache scacchistiche degli ultimi mesi, come si è visto bene durante il Campionato del Mondo Rapid & Blitz di Mosca, dove ha vinto la medaglia di bronzo nel Rapid ed è stato vicinissimo a battere Carlsen nello scontro diretto nel Blitz.

Anche a Wijk aan Zee, nel Tata Steel Chess 2020, il ragazzo ha dato sfoggio di un gioco intraprendente e dinamico, prendendo addirittura la testa del torneo dopo i primi turni, prima di essere sconfitto sia da Carlsen sia da Caruana, che avrebbe poi vinto il torneo.

In attesa di future occasioni di vedere Firouzja battersi con i Top-players in tornei ad inviti, ecco che la sfida con Caruana nella Pro Chess League 2020 ha offerto un’altra anteprima di quello che il ragazzo potrebbe diventare. Ma adesso basta con le parole e guardiamo insieme la partita, iniziata come una “Anti-Berlinese” con 4.d3.

Una partita che mostra bene come trasformare a proprio vantaggio una posizione apparentemente statica e manovriera in una lotta dinamica per l’attività dei pezzi in campo aperto. Anche se “C’è bisogno di molte rondini” (cit. Aristofane), Firouzja sta continuando a dimostrare di averne.

Sicuramente sarà interessante vederlo all’opera al Prague Chess Festival che inizia il prossimo 12 febbraio, dove ha sostituito all’ultimo momento Wei Yi, impossibilitato a partecipare a causa delle limitazioni a viaggiare messe in atto per limitare l’epidemia da Coronavirus.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: