Scaccobollo – JUGOSLAVIA 1950

(Roberto C.)
Il ‘Torneo delle Nazioni, ovvero, la IX Olimpiade degli scacchi, si giocò dal 20 Agosto al 9 Settembre 1950, nella città di Dubrovnik, l’antica Ragusa, detta la Firenze Dalmata perché situata sulle rive della Dalmazia, all’epoca in Jugoslavia, oggi in Croazia.

A questa Olimpiade, la prima dopo il secondo conflitto mondiale, parteciparono soltanto sedici nazioni (Jugoslavia, Germania O., Argentina, Stati Uniti, Olanda, Belgio, Austria, Cile, Francia, Finlandia, Svezia, Italia, Danimarca, Perù, Norvegia e la Grecia); assenti URSS, Polonia, Ungheria, Cecoslovacchia e Romania per motivi che nulla avevano a che fare con gli scacchi.

Squadre con quattro titolari e due riserve; quella ospitante schierò Gligorich, Pirc, Trifunovich, Vidmar Jr., Ribar e Puc, vincendo con punti 45½ davanti ad Argentina 43½ e Germania Ovest 40½; l’Italia dodicesima con 25 punti davanti soltanto a Danimarca, Perù, Norvegia e Grecia.

Per onorare e ricordare la prima Olimpiade degli scacchi dopo il conflitto bellico mondiale, la Jugoslavia emise una bellissima, ancora oggi insuperabile, serie di cinque scaccobolli; non ci vuole molto a capire che questa è senza dubbio la miglior serie della tematica scacchi per le indovinate composizioni, la varietà e la vivacità dei colori. Nel giorno d’inizio venne utilizzato uno speciale annullo postale di colore rosso, per i successivi quello del classico colore nero.

463_001_jugoslavia-campionati-del-mondo-di-scacchi-chess-549-53-mnh

2 dinari è di color bruno carminio, presenta i confini della Jugoslavia, una scacchiera centrale, il profilo trasparente di un alfiere ed i quattro punti cardinali.

3 dinari è grigio e marrone scuro, raffigura una Torre di color giallo chiaro su casella scura avvolta dalla lettera ‘J’ formata da una lunga striscia di bandiere.

5 dinari, verde-azzurro e giallo, col globo terracqueo ed una scacchiera con i pezzi della Capablanca-Lasker, New York 1924; una curiosità, la posizione è sbagliata: l’alfiere di Lasker andava messo in g8 e non in f8, quindi, è quello delle case bianche e non scure.

10 dinari, violetto e azzurro, con due giocatori e nei confini della Jugoslavia, la scacchiera a forma di globo ed alcuni pezzi.

20 dinari, dal color blu in varie tinte ed un Cavallo giallo in un cerchio di bandiere ed il mare come sfondo.

2 thoughts on “Scaccobollo – JUGOSLAVIA 1950

Add yours

  1. Grazie ancora per tutte le preziosissime informazioni che priodicamente fornisci a tutti noi appassionati della storia e della filatelia scacchistica😀

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Powered by WordPress.com.

Up ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: