Il “più matto rapid” della settimana

Accetto al volo la proposta degli amici di “UnoScacchista”: m’impossesso della nuova rubrica de “il più matto” per segnalarvi chi potrebbe essere nominato il “più matto rapid” di questa settimana: è il GM russo Sergei Rublevsky.

Qualcuno potrebbe dire che sto scherzando e che Rublevsky può aspirare alla sola piazza d’onore, visto che la prima piazza è ormai riservata a Karjakin e alla sua ultima partita del mondiale.

(Rublevski-Dubov dopo 22. … f7-f5, 03/12/2016)

Nella Rublevsky-Dubov di ieri 3 dicembre si nota bene quanto negli scacchi i tempi siano terribilmente determinanti in certe posizioni taglienti come quella del diagramma.

Infatti il nero ha appena giocato 22. … f7-f5 e se il bianco, che già gode di un pezzo in più, avesse optato per 23.Dc4, con immediate minacce, tutto sarebbe stato diverso.

Invece l’esperto Sergej teme troppo, per lui purtroppo, la risposta 23. … Axe4+ e gioca 23. gxf6??, non accorgendosi che, con la presa en passant in f6, diventa invece decisivo l’improvviso passaggio ad est della Donna nera: 23. … Dh5.

E’ seguìto 24.Dc4?? (eh, no!, adesso è troppo tardi, troppo tardi!) 24.Th2+ 25. Txh2 Dxh2+ 26. Rf1 Dh1+ 27. Re2 Th2+ e arriva il matto inevitabile con 28. … Dxe4#, 0-1.

dubov-premiato-al-gp-rapid-2016
Daniil Dubov durante la premiazione del “GP Rapid” (foto dal sito ufficiale)

Il ventenne moscovita Daniil Dubov, Grande Maestro già da aprile del 2011 e del quale potete leggere qui una interessante intervista dello scorso anno, ha vinto in questi giorni a Khanty-Mansiysk la finale del “Grand Prix rapid”, da cui è tratta la conclusione della partita che abbiamo visto. Giunto a 10 punti su 12 dopo questo successo contro Rublevsky, ha poi chiuso con tre rapide patte, imbattuto.

Sconfiggere Dubov (Elo 2660, attuale n. 92 al mondo) non è del resto facile, neppure rapid, visto che il suo allenatore, Shipov, da tempo parla di lui come di un nuovo Petrosjan.

A proposito di patte, è da notare come in questo torneo (cosa inconsueta per un “rapid” di 15 turni), hanno concluso imbattuti i primi 4 classificati, ovvero, dopo Dubov, anche Jakovenko, Riazantsev e Lysyj: un segnale di poca combattività e della tendenza ad accontentarsi (vero, Riazantsev?) di un buon piazzamento.

Al prossimo matto!

Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Powered by WordPress.com.

Up ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: