Not smart enough?! Even smarter! – Part II

(Sabine S.)
The prepared environment
We offer a very simple suggestion: give the child an environment in which everything is constructed in proportion to himself, and let him live therein. When we prepare the environment of children in a well structured way, handing over something equal to an outer compass, we enable the child to build up an inner compass. We open doors to independency, structure and order, beauty, compassion and empathy, simplicity and complexity. WE enable the child to grade all sensorial impressions.
(Based on “The principles of Montessori Education”)

This post is in English, with translation in Italian provided

Questo post è in inglese, con traduzione in italiano

L’ambiente preparato
Vi do un semplice suggerimento: offrite al bambino un ambiente dove tutto è adattato alle sue proporzioni, e poi lasciatelo libero di vivere al suo interno. Quando prepariamo l’ambiente attorno al bambino in modo ben strutturato, offrendo qualcosa di simile a un sistema di orientamento esterno, diamo al bambino la possibilità di costruire un suo proprio sistema di orientamento. Apriamo la strada per l’indipendenza, la struttura e l’ordine, la bellezza, la compassione e l’empatia, la semplicita e la complessità. NOI permettiamo al bambino di valutare tutte le impressioni sensoriali.
(Basato su “I principi del metodo educativo Montessori”)

[Testo in Italiano]

The uncle and I often discussed the possibilities how to prepare the environment for the little girl so that she could easier experience and grab the underlying structures of chess. Of course the niece would need an own chess set, a separate place for the board to maximize independent learning and free exploration. During our brainstorming sessions we came up with the idea to integrate the black and white pattern in her environment. So was for instance the right side of the shelf, where she placed her shoes, painted white and the left side black. Pictures of the figures including their names on small tags were prepared and placed in a separate box next to the board. (Author’s note: A very clear and easy method to introduce the names to 2 to 4 years old will be described in the coming post: “How chess becomes to be child’s play.”). Of course her uncle bought some story books like:

A sage, an emperor and a lot of rice
A sage, an emperor and a lot of rice

He generated a “SPECIAL” self-constructed book with pictures of chess sets. This idea was later transformed into a couple of booklets. Beside the classical booklets with pictures of moves or openings or tactical pattern the uncle prepared small books with chess poems and small chess stories as bedtime stories, some of them he invented by himself.

Sample images of the self-constructed book with pictures of chess sets and chess figures, particularly designed for children:

Questo slideshow richiede JavaScript.

and of more classic styles.

Questo slideshow richiede JavaScript.

One of the chess sets was bought, because it showed a pictorial representation of the chess figures and their initial positions. Though we judged the chromaticity in first place as overwhelming the young nice liked it very much. The younger children are the more easily can they grasp pictures to compare and images should be intensily used. The corresponding letters or words can be introduced, preferred upper cases, as an extension of the material further down the line.

Chess Set with bag

Another idea was to create an own wooden chess set by themselves, when the nice was at an appropriate age. Something that really, truly was made by herself and belonged only to her.

Sample of a prepared wooden material set

The possibility to prepare the child’s environment is innumerable.


STORY PART II (age 2 to 5 years)

I bought my niece an own chess set, adequate in size and weight for her age, customized the figures to a slightly heavier weight for her tiny hands and placed it on her table, so that she could reach the board and the figures easily by herself. During the following months, she took the figures with her wherever she went, roll-playing with them. She loved to touch and smell at the figures. I likewise introduced her to how to bring the figures back to sleep into the wooden box. Sabine and I came up with the idea to paint the right bottom of the box white separating the whites from the black ones. We also introduced language at that early stage, always following the separation of the white pieces to the right side of the box with the rhyme: „White goes to the right.“ and introducing the names. To teach the little girl, among other things, the name of the chess fields, a booklet was prepared. The first page showed an empty checkboard with the respective numbering of the fields of A-H and 1-8, the next pages showed the checkboard with the combination of both (every line description on a separate page A1 … A8; next page B1 … B8; next page C1 … C8; etc.), until the last page showed all fields with their respective combinations (see next two pictures).

Definition cs

In addition, small cards with the respective field combination (A5, C6, F2) were created later, which I placed with my niece on the correct fields. It was a pleasure during her sensitive phase for order and sorting to see how quickly she picked up the numbers, the letters, the combinations, and, while she showed a field with her finger, called the correct combination with her childish voice. After she internalized this, we combined the pictures of the figures and the field combinations, playing who lives where, calling the fields for instance THE A1 HOUSE of the rook and of course followed with a booklet with pictures of the moves of each single figure.[1-ENG]

CB - CC

For the direct transfer to the chessboard we used coloured chips, based on the chip chess method, which we distributed accordingly on the board.

Chips con commenti
Blue Chips may be captured by the White Player only, Yellow Chips by the Black Player only. Green Chips may be captured by both players, Red Chips may not be captured
Chess with fiches
This is a task in chip chess; The rook shall beat the blue chips, using the fastest or the most logical way

Black and white chips from the German game “Dame” were also used by Sabine during the sensitive period for stacking of children to demonstrate the value of a character (Pawn: 1 = 1 chip either white or black; Knight/Bishop: 3 = 3 chips stacked; Rook: 5 = 5 chips stacked and so on)

We adopted additionally another approach, developed by Maria Dolores Garcia Ferre [2-ENG], where children have to find for instance twin chess boards.

Ferre approach

All these minor steps are highly important for visualising chess figures, their positions and piece patterns!


Let me finish this part of „Not smart enough“ with the words of Judit Polgar. She describes it simply and clearly in her book “How I beat Fischer’s record“;

“Talent and ambition must have played a significant part, but my family environment was the most important factor.“
(Judith Polgar)

NOTE: You may find the preamble to “Not smart enough” here and Part 1 of the series of articles here.


[English Version]

Io e lo zio discutemmo a lungo come preparare l’ambiente per la bambina, in modo che potesse sperimentare e afferrare più facilmente le strutture alla base degli scacchi. Ovviamente, per ottenere il massimo dell’apprendimento indipendente e una esplorazione libera, la nipotina avrebbe avuto bisogno di un set di scacchi tutto suo e di una spazio separato per la scacchiera. Durante le nostre sessioni di brainstorming, ci venne l’idea di integrare uno schema bianco e nero nel suo ambiente. Per esempio, la parete destra dello scaffale dove lei metteva le scarpette fu dipinta in bianco e la parete sinistra in nero. Preparammo anche delle piccole etichette con le figure e i nomi dei pezzi degli scacchi, mettendole in una scatola separata vicino alla scacchiera. [Nota dell’Autore: Un metodo molto chiaro e semplice per presentare i nomi a bambini tra i 2 e i 4 anni verrà descritto in un prossimo post dal titolo “Come gli scacchi diventano un gioco da ragazzi”]. Naturalmente, lo zio comprò alcuni libri per bambini come:

A sage, an emperor and a lot of rice
Il saggio, l’imperatore e molto riso

Costruì anche un libro “SPECIALE” con le immagini dei pezzi degli scacchi. Questa idea fu poi trasformata in in paio di libricini: oltre ai classsici libretti con le immagini di mosse, aperture o schemi tattici, lo zio ne preparò anche qualcuno con poesie sugli scacchi e brevi storie scacchistiche da leggere come come favole della buonanotte, alcune delle quali da lui inventate.

Questi sono alcuni esempi delle immagini di scacchiere e pezzi, pensati appositamente per i bambini, che furono inserite nel libro “SPECIALE”:

Questo slideshow richiede JavaScript.

C’erano anche scacchiere più classiche, ovviamente:

Questo slideshow richiede JavaScript.

Comprammo un set di scacchi, perchè mostrava una rappresentazione grafica dei pezzi e loro posizione iniziale. Sebbene pensavamo che i molti colori sarebbero stati uno stimolo troppo intenso, alla giovane nipote piacque molto. Le immagini possono essere afferrate più facilmente dai bambini più piccoli e per questo dovrebbero essere usate spesso. Si possono poi aggiungere col tempo lettere o parole, preferibilmente in maiuscolo, come estensione del materiale per il bambino.

Chess Set with bag

Un’altra idea fu costruire da soli un proprio set di scacchi, cosa che fu fatta quando la bambina raggiunse una età appropriata: qualcosa che costruì realmente da sola e che apparteneva a lei e soltanto a lei.

Un esempio di materiale di legno preparato per diventare un set di scacchi

Le possibilità per preparate l’ambiente del bambino sono veramente innumerevoli.


STORIA, SECONDA PARTE (età: da 2 a 5 anni)

Comprai per mia nipote un set di pezzi degli scacchi, di dimensione e peso adeguati alla sua età, li modificai perchè fossero leggermente più pesanti e adatti alle sua manine e li misi sul tavolo, in modo che potesse arrivare alla scacchiera e prendere i pezzi da sola. Durante i mesi successivi, prendeva i pezzi e li portava con sé ovunque andasse, rotolandosi assieme a loro. Le piaceva molto toccare e annusare i pezzi. Le mostrai anche come mettere i pezzi a posto per “dormire” nella scatola di legno. A me e Sabine venne anche l’idea di dipingere di bianco la parte destra del fondo della scatola, separando i pezzi bianchi da quelli neri. Usammo molto presto anche il linguaggio, accompagnando sempre la disposizione separata dei pezzi bianchi nel lato destro della scatola con la rima “Il Bianco va di fianco” [Nota del Traduttore: la rima era ovviamente diversa in tedesco] e introducendo il nome dei pezzi. Per insegnare alla bambina, tra le altre cose, anche il nome delle case della scacchiera, preparammo un libretto. La prima pagina mostrava una scacchiera vuota con la denominazione delle colonne e delle traverse A-H e 1-8, le pagine successive mostravano la scacchiera con le combinazioni di entrambi su una sola colonna (la prima pagina mostrava da A1 a A8, la successiva da B1 a B8 e così via), fino all’ultima pagina, dove la scacchiera era mostrata con tutte le combinazioni che descrivono le case (vedere le due figure qui sotto)

Definition cs

Più avanti, furono preparate delle piccole carte con segnate le combinazioni colonna-traversa (A5, C6, F2…) che io sistemavo assieme a mia nipote sulle case corrette. Fu molto gratificante vedere come, durante la sua fase sensitiva per ordinare e catalogare, fosse in grado di comprendere i numeri, le lettere, le combinazioni e, mostrando una casa con un dito, pronunciare la combinazione corretta con la sua vocetta infantile. Dopo aver interiorizzato ciò, combinammo le immagini dei pezzi con le descrizioni delle case, giocando al “chi vive qui?” annunciando una casa (Ad esempio “LA CASA A1” per la Torre bianca); in seguito, usammo un piccolo libro con le raffigurazioni dei movimenti di ogni pezzo [1-ITA].

CB - CC

Per passare poi alla scacchiera vera, abbiamo usato dei gettoni colorati, che distribuivamo sulla scacchiera secondo il metodo del “chip chess”.

Chips con commenti
I gettoni blu possono essere catturati solo da chi gioca con i Bianchi, i gettoni gialli solo da chi gioca con i Neri. I gettoni verdi possono essere catturati da entrambi, quelli rossi non possono essere catturati.
Chess with fiches
Questo è un problema in Chip Chess; La Torre deve mangiare tutti i gettoni blu, seguendo il percorso più veloce o più logico

Durante il periodo sensitivo per la costruzione, Sabine ha usato anche le pedine bianche e nere del gioco della Dama per mostrare il valore dei pezzi (Pedone: 1 = 1 pedina, bianca o nera; Cavallo/Alfiere: 3 = 3 pedine impilate; Torre: 5 = 5 pedine impilate e così via).

Abbiamo anche adottato un altro approccio, sviluppato da Maria Dolores Garcia Ferre [2-ITA], dove i bambini devono trovare, ad esempio, due miniscacchiere identiche.

Ferre approach

Tutti questi piccoli passi sono di grande importanza per visualizzare i pezzi degli scacchi, le loro posizioni e i loro movimenti!


Vorrei ora concludere questa parte di “Not smart enough“ con le parole di Judit Polgar, che scrive semplicemente e chiaramente nel suo libro “How I beat Fischer’s record“:

“Il talento e l’ambizione devono aver giocato un ruolo significativo, ma il mio ambiente familiare è stato sicuramente il fattore più importante.“
(Judith Polgar)

NOTA: Il preambolo a  “Not smart enough” è disponibile qui mentre la “Part 1” si trova  qui.


[1-ENG] pictures similar to FIDE;
[2-ENG] https://appadvice.com/app/kindergarten-chess-learn-games/1197303249
The book “Montessori per tutti” for further information on teaching methods and setup of environments

[1-ITA] immagini simili a quelle ufficiali FIDE;
[2-ITA] https://appadvice.com/app/kindergarten-chess-learn-games/1197303249
Il libro “Montessori per tutti” può essere letto per ulteriori informazioni sui metodi di insegnamento e la preparazione degli ambienti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Powered by WordPress.com.

Up ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: