Ding Liren, nuovi obiettivi per il 2019

(Uberto D.)
Ding Liren è uno tra i giocatori più accreditati per sfidare Carlsen nel 2020 per il titolo mondiale. L’ultimo anno è stato decisamente memorabile per il 26enne cinese: partcipazione al Torneo dei Candidati, infortunio durante il torneo Altibox Norway, vittoria alle Olimpiadi (oro di squadra e individuale in prima scacchiera), ingresso nel “Club 2800” e, soprattutto, una serie lunghissima senza sconfitte. Il 2019 agonistico comincia per lui il 12 gennaio con il Tata Steel Chess, ma oggi voglio rivedere con voi una partita importante del 2018, quella che ha chiuso la sua serie positiva lunga 100 partite!

[Ding Liren durante la cerimonia di apertura del Torneo Shenzen 2018 (foto da www.qipai.org.cn)]

7 obiettivi per il primo cinese sopra i 2800

Clarice Benini, una vera figlia d’arte

(Mauro Berni – Roberto Cassano)
La scacchista fiorentina Clarice Benini (1905 – 1976), è stata una vera figlia d’arte. Rimase orfana a 15 anni quando a Viareggio, durante un torneo di scacchi, morì il padre Giuseppe (1854-1920); appassionato ma discreto giocatore che, però, nell’11° Torneo Nazionale di Roma del 1911, vinse questa famosa partita col Maestro Reggio effettuando un doppio sacrificio consecutivo delle Torri!

[Torneo Internazionale di Levanto 1957, i partecipanti con la Benini al centro, da “Archivio Fotografico” di C.Sericano]

Tale padre tale figlia…

Il finale di fine anno

(Uberto D.)
Come trascorrere una fine d’anno scacchistica in famiglia? Semplice, basta organizzare una partita a coppie, formate da uno scacchista e relativa signora che muovono alternativamente e che, tassativamente, non si scambiano suggerimenti. Se le due signore sanno giocare a scacchi senza essere comunque giocatrici abituali, il divertimento è assicurato. Questo è quello che Riccardo ed io abbiamo sperimentato in questa fine 2018 e il risultato è stato non solo un’oretta divertente, ma anche un finale interessante che ha meritato l’approfondimento che sto condividendo con voi.
Una posizione inusuale, con un diga pedonale centrale

Dove è stato ucciso il Re?

(UnoScacchista)
Un racconto, un omaggio, una chiave nascosta. O forse solo un’idea per nascondere qualcosa davanti agli occhi di tutti. Siamo in un luogo imprecisato e si sta preparando un incontro a cui parteciperà il Re in persona. Ma un attentato efferato trasformerà quella giornata in qualcosa di speciale. In Inghilterra qualcuno cerca di capire dove tutto ciò è successo. Provate anche voi a scoprire dove si è compiuto questo …

Regicidio in miniatura

#wrbc2018 – Nel blitz dominano Carlsen e Lagno

(UnoScacchista)
Ieri si è chiuso il Campionato del Mondo Blitz, l’ultimo importante torneo dell’anno. Si sono imposti in maniera convincente Magnus Carlsen e Kateryna Lagno, entrambi imbattuti. Confermano il risultato del Campionato Rapid l’iraniana Khademalsharieh (secondo posto) e lo statunitense Nakamura (terzo posto). Salgono sul podio anche il ventenne polacco Jan-Krzysztof Duda, che ha lottato con Carlsen fino all’ultimo turno, e la cinese Lei Tingjie.

[Foto di apertura di Lennart Ootes, dal sito della FIDE]
Carlsen e Ju Wenjun chiudono l’anno con due titoli, ma nessun ‘triplete’

Stranezze in apertura/7

(del GM Sergio Mariotti)
Come vi avevo anticipato, per recuperare dalla “stranezza” di Novembre che non uscì causa concomitanza con il mondiale, vi propongo una delle partite che considero tra le più belle che ho giocato. E’ una partita di esattamente 49 anni fa e, come regalo di fine anno e augurio per l’anno nuovo, mi sembra molto adatta, perché di stranezze in apertura ne vedrete, eccome!
Micheli-Mariotti, Reggio Emilia 1968: la mia prima Spagnola con Df6 giocata in partita di torneo

Powered by WordPress.com.

Up ↑